Pubblicato in: 2018, Kindle - letture digitali., Misteri, Narrativa, Sociale

«Un tempo la natura era il centro»

Chiunque tu sia.
In qualunque cosa tu creda.
Tutto sta per cambiare.
Robert Langdon, professore di simbologia e iconologia religiosa a Harvard, è stato invitato all’avveniristico museo Guggenheim di Bilbao per assistere a un evento unico: la rivelazione che cambierà per sempre la storia dell’umanità e rimetterà in discussione dogmi e principi dati ormai come acquisiti, aprendo la via a un futuro tanto imminente quanto inimmaginabile.
Da dove veniamo? E, soprattutto, dove andiamo?

Percorrendo i corridoi più oscuri della storia e della religione, tra forze occulte, crimini mai sepolti e fanatismi incontrollabili, Langdon e Vidal devono sfuggire a un nemico letale il cui onnisciente potere pare emanare dal Palazzo reale di Spagna, e che non si fermerà davanti a nulla pur di ridurre al silenzio Edmond Kirsch.

Con questo libro ho capito almeno due cose: la prima è che il nostro amato professore sta invecchiando e la sua esistenza narrativa potrebbe finire prima di quel che credo; la seconda cosa è che lo scheletro narrativo mi ha un po’ stufato, ma forse non c’è altra scelta per Dan Brown.
Tolti questi due punti non posso evitare di dire che anche questa volta ha scritto un libro mozzafiato, che ahimè, non è così tanto campato per aria….

Chi siamo? Ovvero come è arrivata la vita?
E dove andiamo? Ovvero in cosa si evolverà la nostra specie?

La storia sarà gentile con me, perché intendo scriverla io.

Questa volta il Professor Langdon ha per le mani l’antitesi della sua materia. Dan Brown è uno specialista nello scrivere narrativa coinvolgente, quest’opera ha il sapore frenetico di questa asfissiante società tecnologica, dove pare che avverrà il duello finale tra Scienza e Religione.
Io sono schierata con il brillante futurologo e chiedo scusa in anticipo a tutti i praticanti religiosi che stanno per leggere le mie opinioni a riguardo.
Anche se non condivido tutta quanta la sua estrema passione (Edmond Kirsch)… Siamo sinceri dai, sono decenni che abbiamo già gli strumenti per formulare i fatti: un dio come artefice dietro tutto quel che abbiamo? Ma per cortesia, i contrasti sono ovunque, nella religione. Ma ovviamente ogni lettore prenderà le sue posizioni.

La Scienza e la Religione non sono rivali,
sono solo due lingue.

La grande verità che ci verrà svelata in questo libro l’abbiamo già incocciata altrove, a ereditarla sono i nuovi nati di questo secolo, sono loro che avranno il nuovo mondo di Edmond Kirsch tra le mani, spetterà a loro capire come gestirlo, ma forse molti di noi vecchi avranno la fortuna di vedere qualcosa, anche se onestamente, quel qualcosa lo stiamo già vedendo.

La nostra è una cultura basata sulle immagini

Dan Brown è un Autore molto controverso, chi lo odia, chi lo ama, a me piace moltissimo e in questo suo ultimo lavoro i punti di riflessione non saranno solo riferiti alle domande esistenziali, chiavi della storia:
Chi siamo?
E dove andiamo?
A me è tornata in mente l’ansia che mi sale quando provo a immaginare di “passeggiare” nell’Universo, dove non c’è una fine, il concetto stesso di infinito, se provo ad elaborarlo è come se il mio cervello tendesse ad andare in tilt. Come si fa ad immaginare una cosa che non ha fine?

Il libro merita comunque di esser letto.

 

Annunci
Pubblicato in: 2018, Kindle - letture digitali., Narrativa

Vite perdute nella storia

È il 1913 e sulla costa dell’Inghilterra una nave è pronta a salpare per l’Australia. A bordo una bambina di quattro anni, Nell, stringe il prezioso libro di favole che le ha regalato la misteriosa Autrice, Eliza Makepeace, che dovrebbe prendersi cura di lei e l’abbandona, invece, sul ponte. Dopo una traversata che sembra infinita, la piccola Nell si ritrova sperduta nel porto di Maryborough. Sarà Hugh, il capitano del porto, a proteggere ed accogliere come figlia quella bimba smarrita, una creatura che sembra piovuta dal cielo a consolare lui e la moglie della loro sterilità. Solo la sera del ventunesimo compleanno Nell apprende dal padre il segreto delle sue origini. Ossessionata dai ricordi confusi di un’epoca lontana, Nell decide di partire alla ricerca della sua vera identità. La ricerca la porta in Cornovaglia, dove sorge la tenuta di Blackhurst, un tempo proprietà della nobile famiglia Mountrachet. La donna comincia a ricostruire la propria storia, ma all’improvviso è costretta a rinunciare. Nel 2005, alla morte di Nell, sua nipote Cassandra riceve un’eredità inaspettata: un cottage inglese, nel cui giardino dimenticato è sepolta la memoria di un passato oscuro: quello della sua custode, Eliza Makepeace, autrice di fiabe inquietanti, e dei Mountrachet. Quel luogo conserva un fascino misterioso e Cassandra decide di riportarlo allo splendore di un tempo. Ma quando inizia a scavare tra le erbacce non immagina che, alla fine, sarà proprio il giardino a restituirle la verità sulle proprie radici, e a sciogliere l’antico enigma della bambina perduta.

 

Questo libro è stato interessante, ma per conto mio ha avuto un problema fastidioso: avendo diversi scenari, sia a livello temporale che di personaggi, nella prima metà del libro si ha una certa difficoltà a sincronizzare la propria attenzione cerebrale a sintonizzarsi su ogni cambio di scena. Per fortuna poi i pezzi s’incastrano e ad ogni scenario si identifica subito il filo temporale.
Sostanzialmente è un buon libro, sebbene vengano tralasciati alcuni quesiti chiave, che secondo me andavano sbrogliati, ma i misteri che trasudano dalla trama sopperiscono a questa mancanza e ad un certo punto anche per il lettore diventa imperativo conoscere la verità su quella bambina dai capelli rossi.

In mezzo a queste trame ne emerge una, quella antica, da cui emergono interessanti spunti di vita sociale e morale e dove tra l’altro, a sprazzi, si rivela un’ignoranza sessuale dettata dall’epoca, che ai giorni nostri fa sicuramente sorridere.
Oppure la rigida etichetta comportamentale, di cui si fa scudo la zia Adeline e non sono gli unici due esempi.

Chi si è lasciato coinvolgere da questo libro, forse avrà provato le mie stesse sensazioni finali, di inseguire una ricerca analoga nelle pieghe del tempo, per farsi avvolgere dalla sorpresa e dalla curiosità degli eventi che sono accaduti prima di noi.

E’ sicuramente una lettura accattivante, probabilmente poteva essere migliore, non è questa la sede per giudicare, ma quando si arriva al finale cala una pace tranquilla, di quelle che restituisce la frase: -giustizia è fatta-

Pubblicato in: 2018, Fantasy, Kindle - letture digitali., Medievale, Saga, Sentimenti, Storico

Opera d’eccellenza.

L’anno è il 1945. Claire Randall, un’infermiera militare, si riunisce al marito alla fine della guerra in una sorta di seconda luna di miele nelle Highlands scozzesi. Durante una passeggiata, la giovane donna attraversa uno dei cerchi di pietre antiche che si trovano da quelle parti. All’improvviso si trova proiettata indietro nel tempo, di colpo straniera in una Scozia dilaniata dalla guerra e dai conflitti tra i clan… nell’anno del Signore 1743. Catapultata nel passato da forze che non capisce, Claire viene coinvolta in intrighi e pericoli che mettono a rischio la sua stessa vita e il suo cuore. L’incontro con il giovane e affascinante cavaliere scozzese James Fraser la costringe a una scelta radicale tra due uomini e due vite, in epoche così diverse tra loro. Ironica, avventurosa, appassionata e molto coraggiosa, Claire è una straordinaria eroina che conquista il cuore del lettore fin dalle prime pagine.

Ho questo libro da almeno tre anni, ma una vocina mi ha sempre detto di aspettare a leggerlo, ora che l’ho finito ho capito perché: è davvero straordinario e crea dipendenza! Ma non è un libro unico.

Ammetto che ho iniziato a leggerlo per poter vedere anche la serie televisiva, ho resistito per un po’, ma alla fine mi ha acchiappato, e parecchio anche, da quel punto in poi ho cominciato a spiluccare informazioni varie;
il primo libro è talmente lungo da risultare quasi scoraggiante, sul Kindle ha una stima di lettura di oltre 20 ore, tuttavia, una volta che la storia entra dentro, è ovvio che le ore volano e, anzi, quel che c’è scritto quasi non basta.
Il punto scoraggiante è che la saga è composta da oltre 10 libri e non è nemmeno ancora terminata, da ciò è spiegato il motivo della mia esitazione iniziale, di quella vocina che mi diceva di non leggerlo.

Inoltrandoci nella lettura si capisce chiaramente l’abilità della scrittrice nella perfetta realizzazione del suo mondo, che non è soltanto suo, visto che la storia ha le sue fondamenta sulla storia reale

La battaglia di Culloden, combattuta il 16 aprile del 1746 presso Inverness, nelle Highlands, rientra in questa categoria, costituendo l’ultimo cruento scontro consumatosi sul suolo britannico, destinato a segnare il definitivo tramonto delle aspirazioni scozzesi ad affrancarsi dalla corona inglese. fonte

Di fatto il perno su cui gira e si forma la storia è proprio questo aneddoto storico, che poi considerarlo ‘aneddoto’ pare quasi offensivo, dopo aver visto la trasposizione televisiva.
La storia d’amore che è stata realizzata intorno è molto riuscita, i due protagonisti passano letteralmente le pene dell’inferno, ciò non può che rafforzare il loro amore e, nella serie (perché sto seguendo anche quella), è molto chiaro questo concetto.
Il filone amoroso che lega Claire e Frank non si capisce molto bene nel primo libro, perché la protagonista viene catapultata indietro quasi subito. Non so quando riuscirò a continuare coi libri, ma nella serie, si comincia a capire un bel po’ avanti e ovviamente, non è questa la sede per parlarne.

Come ogni buon libro di successo la trasposizione realtà/fantasia è molto credibile, quando Claire comincia ad “assaporare” i piaceri dell’epoca, tutto un mondo dimenticato si dipana di fronte a lei. E parliamo di cultura, di modo di vivere, di usi e costumi e sopratutto di credenze e magia (e quindi, ignoranza, anche), argomento che ha i suoi rivolti negativi, vedi i roghi delle streghe, per esempio.
In ogni caso, quell’epoca, per una donna era davvero una sfida pericolosa.

L’antagonista di questa storia sarà uno dei più odiati in assoluto senza dubbio, alcune sue caratteristiche saranno un conflitto molto pesante per la protagonista, creeranno dei divari piuttosto pesanti e i risvolti psicologici saranno molto profondi.

Ovviamente non saranno gli unici personaggi, questo primo libro è una storia di anni e quindi la rosa dei personaggi sarà molto ampia.

Di sicuro questo primo libro imbastisce un canovaccio storico NON indifferente. Per adesso sono andata molto avanti seguendo la serie, non escludo che leggerò anche i prossimi libri, magari acquistandoli in sconto su Amazon.

Lettura assai consigliata.

 

Pubblicato in: 2018, Fantasy, Kindle - letture digitali., Saga

Intenso e soffocante

Anno nuovo, vita nuova. A Emma Hataway non è mai sembrato più vero da quando, ripresi i sensi in un letto d’ospedale, è costretta a fare i conti con un’amnesia che ha cancellato buona parte dei suoi ricordi.Cosa è accaduto la notte di Capodanno? Louis è stato davvero sconfitto o tornerà per avere la sua vendetta? Perché non ricorda più nulla di Alec, amico d’infanzia da sempre? Le sorelle Hataway cercano di tornare alla vita di tutti i giorni tra nuove dinamiche famigliari, vecchi amori e ricordi che sfuggono senza lasciarsi afferrare. Una minaccia, però, incombe sulla loro famiglia e si intreccia con un destino al quale sembra impossibile sfuggire. Alec Stevens è sopravvissuto alla notte di Capodanno e ora deve fare i conti con un fratello ingombrante, molte domande e una ragazza alla quale ha salvato la vita, che conosce da sempre ma di cui non ricorda granché.Riuscirà a riportare a galla ciò che ha dimenticato e che lo tormenta? Che cosa nasconde veramente il ritorno del fratello Justin?Una ricerca non priva di ostacoli, contro il tempo e contro qualcosa che sembra impossibile arrestare.

Difficile recensione per questo secondo libro, il quale pare non sia quello conclusivo, tuttavia, anche nella pagina e sito dell’Autrice non ho trovato traccia di notizie conclusive e questo è un fattore negativo per la causa.
In quest’epoca di auto-business e di social, lasciare nell’incertezza i propri fan non è proprio una gran tattica commerciale, ma parliamo del libro, che anche se mi è piaciuto ho comunque diverse critiche, per fortuna non dal punto di vista narrativo.

I contenuti, ecco la mia critica principale. Penso che comunque (se mai uscirà è inteso), terminerò la saga, ma le stelle date a questo capitolo di transizione sono solo 3, rispetto alle 4 del precedente. L’atmosfera è sempre stata perennemente angosciante e in situazione di suspence; è vero che sono emersi altri dati, che hanno aggiunto altra curiosità, è vero che l’amore perfetto descritto nel libro ha portato e invitato a riflessioni e dato ai romantici molto di cui sognare, ma ad ogni modo il libro è un enorme mattone che rimane sullo stomaco, soprattutto e sottolineo soprattutto, dal fatto che non si hanno notizie sul proseguimento dal 10 febbraio 2016, converrete che non è rassicurante. Non far sapere nulla ai fan è un gesto irrispettoso verso di loro, verso di noi, perché, purtroppo, anche a me rimane la curiosità di arrivare al finale.

A voi la scelta di intraprendere questa strada.

Pubblicato in: 2018, Fantasy, Kindle - letture digitali., Saga

Streghe dell’epoca moderna

Emma ha quasi sedici anni e due sorelle, Eileen e Constance. Vivono a Saint Claire, tranquilla cittadina del Connecticut, insieme alla madre Kate e a Miranda, la misteriosa donna comparsa nelle loro vite da quando il padre le ha abbandonate. Le Hataway non sono donne normali, ma streghe costrette a nascondere la loro natura e i loro poteri per rispettare le leggi dei Custodi, ai quali devono obbedienza. Leggi che Emma ha infranto quando era solo una bambina per aiutare quelli che sarebbero diventati i suoi migliori amici, Sam e Alec.
Da allora i tre sono inseparabili nonostante Emma sia costretta a nascondere il segreto che più le sta a cuore. Non è l’unica, però, a mentire alle persone che ama. Cosa nascondono Kate e Miranda? Quali sono i terribili segreti seppelliti nel loro passato? Perché il padre è scomparso all’improvviso senza lasciare traccia? Una storia d’amore, di amicizia e di legami famigliari burrascosi, ma profondi. Con un pizzico di magia.

L’incipit è coinvolgente, i ricordi schizzano subito alla serie super amata e famosa Streghe (Charmed), seppur la trama di questo libro ha in comune con la serie solo, appunto, le streghe.
Complessivamente la narrazione è incisiva, per me ha solo un difetto: l’autrice chiama gli stessi personaggi in modi diversi (mamma, Kate, Caterina, Miranda, nonna), questo crea fastidio e confusione, perlomeno nella prima parte del libro, fino a quando ovviamente impariamo a riconoscere i personaggi intimamente.

La trama è sicuramente molto stimolante, non ci troviamo davanti soltanto ad una mera storia d’amore (seppure struggente e intensa), le dinamiche famigliari sono curate bene, anche se forse sono un pelo intricate, difatti a un certo punto si perde un po’ il filo di chi è figlio di chi oppure nipote e/o altro, ma la lettura prosegue ugualmente.
Anche se i capitoli sono sempre dal POV di Emma e Alec, l’autrice ha sondato abbastanza bene anche i caratteri delle sorelle di Emma: Eileen e Constance e mi sono spesso chiesta come sarebbe stato ricco e interessante se vi fossero stati dei capitoli interamente dedicati a loro due.

L’atmosfera paranormale, opportunamente nascosta a noi poveri “babbani” è curata bene, usi e costumi che compaiono nelle azioni quotidiane della famiglia Hataway sono suggestivi e intriganti. L’evoluzione della crescita delle ragazze va di pari passo con l’emergere di alcuni misteri nascosti con dedizione, sacrificio e impegno. Per anni.

Emma è speciale e lo scoprirà sulla sua pelle.

La storia dovrebbe concludersi in una duologia, devo verificare, ho già acquistato il secondo perché, secondo me, vale la pena.

Pubblicato in: 2018, Kindle - letture digitali., Narrativa, Sentimenti, Sociale

Il posto che abbiamo nel mondo

Nessuno meglio di Annie conosce la magia di certi ingredienti. Nessuno meglio di lei sa che mescolando un pizzico di vaniglia, una spolverata di cioccolato, qualche fragola e la giusta quantità di zucchero si può cambiare una vita, far nascere un’amicizia, colmare un vuoto del cuore. È stata sua madre a insegnarglielo, è stata lei a passarle la ricetta segreta delle cupcakes. Annie era solo una bambina, e si ricorda ancora di quelle sere passate a cucinare nella grande casa dei St. Claire, a San Francisco, dove sua madre faceva la domestica. Quei dolci sono l’unico ricordo che le rimanga della madre, morta troppo presto. E di Julie, primogenita dei St. Claire, quasi una sorella per lei. Ma la loro amicizia è finita a causa di un tradimento imperdonabile. Sono passati anni da allora. Annie ha lottato per affermarsi, si è ribellata alle convenzioni, ha studiato per fare della sua passione e del suo talento un lavoro. E ce l’ha fatta. Adesso è tornata a San Francisco e vuole realizzare il suo sogno: aprire una pasticceria. C’è una sola persona in grado di aiutarla: Julie. La ragazza, ormai avviata a una brillante carriera di donna d’affari, sta per sposarsi, ma non ci pensa due volte. Aiuterà l’amica, e forse questa sarà la chance per farsi perdonare. Ma funesti e inspiegabili incidenti cominciano ad accadere, uno dopo l’altro. Qualcuno sta cercando di sabotare in tutti i modi il loro progetto. Perché i conti con il passato non sono affatto chiusi. E c’è un segreto che non è stato ancora svelato.

La storia si percepisce, intensa, già dalle primissime pagine, i personaggi sono marcati nella loro personalità, così come gli scenari e le descrizioni. A farla da padrone, il tepore e il sapore della pasticceria, nella cucina dove lavora la protagonista; è quasi impossibile non soffermarsi a farsi un po’ di crema di burro o, se si è fortunati, a trovare un buon cupcake da mangiare sul serio, divorando anche il libro! Quindi ovviamente e seriamente, sconsiglio questo genere di libri a chi non può assumere dolci o chi ha problemi relativi 🙂

Comunque, scherzi a parte, intorno ai cupcake ruota una storia in un mondo di sentimenti, al solito zeppa di cuore e sofferenza.
Abbiamo due voci narranti: la nostra pasticcera Annie e Julia, l’eccentrica donna di successo di famiglia danarosa. Come anticipato nella quarta di copertina, un grave torto è stato fatto a Annie, la quale, con una forza d’animo non da poco, ha affrontato la vita con il muso duro, ottenendo i suoi propositi e affermandosi nel mondo dei cupcake. Che cosa sia successo dieci anni prima dobbiamo scoprirlo leggendo, ma nonostante la storia sia (a volte) un pelo scontata e magari un po’ troppo frivola, a me ha lasciato un buonissimo sapore di vita, di maturità e di perdono, soprattutto, di famiglia. Credo che se a fine lettura ti dimentichi del libro letto precedentemente (comunque MOLTO bello anche quello), significa che quella storia ha funzionato, ha attecchito nel cuore dei ricordi.

E’ anche la ricerca del nostro posto, tra le righe assisteremo al divario sociale che c’è principalmente nella mente delle due giovani, quale che sia l’esito è difficile non chiedersi qual è il nostro posto in questo mondo.

Molto consigliato.

Pubblicato in: 2018, Kindle - letture digitali., Narrativa, Sentimenti

Le strade del tè.

Quando Charlie – giornalista di successo che si è buttata a capofitto nel lavoro dopo una brutta delusione d’amore – si trasferisce a Scarborough, un caratteristico paesino nello Yorkshire, per scrivere un servizio sulle migliori sale da tè inglesi, deve fare i conti con il difficile rapporto con la sorella, che vive lì. Spesso si rifugia al Seafront, una tranquilla sala da tè con vista sul mare, dove Letty offre dolci squisiti, e lì incontra Kat, madre separata del piccolo Leo. Presto a loro due si aggiunge Seraphine, una ragazza francese, da poco giunta in Gran Bretagna per lavorare au pair, con una grande passione per la pasticceria; tra una chiacchiera e l’altra nasce l’idea di collaborare tutte al lavoro di Charlie: scovare nei dintorni localini nascosti e luoghi davvero speciali, cibi genuini preparati con abilità e dedizione.

Inizialmente lo scenario è su una giovane madre single, sul suo bambino di tre anni Leo e sulla difficile posizione economica che deve affrontare. Lei si chiama Kat. Insieme a lei potremo assaporare l’atmosfera unica del Seafront, -La casa di fronte al mare- (lo splendido locale del tè protagonista) e da quella “casa” nasceranno molte storie, mentre alcune avranno il loro lieto epilogo.

Ma andiamo per ordine, dopo Kat, conosceremo altre due giovani donne: Charlie e Seraphine. Origini differenti, problemi differenti e caratteri opposti, ma proprio per questo motivo scopriranno delle affinità ancestrali che le unirà molto, anche per merito del tè e della titolare del Seafront. Le loro storie e tendenze meritano di essere lette sfogliando il libro; così come le loro vicissitudini passate e quelle del presente, che vivono mentre leggiamo. Sono Donne forti, seppur nella loro fragilità; l’Autrice innalza senza difficoltà il valore che noi Donne possediamo, quella visione ultradimensionale unita alla determinazione che ci spinge avanti in questa vita.

Ovviamente non parlerà soltanto di Donne, o di amore, ma coglierà anche diverse sfumature sociali che l’Autrice ha voluto evidenziare e il tè non smette mai di ruotare intorno a tutta la storia. A tutte le storie, in verità.
Tutto questo dona un’aura vintage a questo libro che ho letto con entusiasmo e non so se è stato per il tè e le cerimonie che ruotano intorno ad esso oppure per la fluidità del romanzo, so soltanto che merita di essere letto.

Pubblicato in: 2018, Fantasy, Kindle - letture digitali., Quadrilogia, Saga

Pentola in ebollizione…

Dopo la catastrofe di Teheran, Aylin non può restare con i Seraphim e i Nephilim ma non è ancora pronta per tornare alla sua vita da umana a causa della sua instabilità emotiva e psicologica. La ragazza ha bisogno di tempo per riprendersi da tutto ciò che l’ha sconvolta, sperando che trovi presto un equilibrio interiore. Aylin viene così affidata a Samuel e i due vivono diversi mesi lontani da tutto e da tutti. Mentre il loro rapporto si consolida sempre di più e lei incomincia a stare meglio, a San Francisco la vita di tutti gli altri riprende il suo percorso: Sarah e James trovano la forza di uscire dal loro dolore, Katy sta superando non senza difficoltà la fine della sua relazione con Alexander mentre Stephanie, invece, si lega sempre di più a un Jared in conflitto con se stesso per quello che inizia a provare per lei e le difficoltà oggettive che quel legame comporterà nel tempo.
Ogni cosa sembra destinata a sistemarsi ma nulla è ciò che sembra e, mentre le difficoltà di Aylin legate al suo ritorno a casa diventano per lei demoni interiori con cui è costretta a combattere ogni giorno, qualcuno sta agendo nell’ombra ai danni delle tre razze che abitano il pianeta Terra.
Poise rappresenta il passaggio tra quello che è stato e quello che dovrebbe essere, è la ricerca disperata di un equilibrio che viene costantemente messo in pericolo dagli eventi e dalle emozioni che vorticano intorno ad Aylin. Poise è l’ultima possibilità perché ogni cosa vada al suo posto.

Pentola in ebollizione …ecco a cosa ho pensato per tutta la lettura di questo terzo volume, penultimo capitolo, molto di transizione.
Ma come ho scritto sopra, mi è sembrato di stare davanti ad una pentola a pressione rotta, pronta a esploderti in faccia da un istante all’altro e, difatti, è proprio quello che succede proprio alla fine, sebbene non possiamo sapere altro e dovremo aspettare il quarto ed ultimo libro, quando sono certa la pentola esploderà facendo parecchi danni.

Riuscirà Aylin a trovare il suo equilibrio?

Ma parliamo dei vari contenuti del libro, che ho trovato molto particolare, dal momento che si è parlato un po’ di tutti i personaggi, ma sempre ruotanti intorno alla protagonista.
Accadono parecchie cose, così come accadono diverse omissioni e dietro le quinte si prepara una rivolta che sono molto curiosa di sapere quale esito potrà mai avere.
Ci sono alti e bassi, la protagonista scala tra gesti immaturi e azioni consapevolmente sagge, questo avvalora sicuramente il suo disequilibrio, ma ciò che mi ha colpito di più è il parallellismo narrato dalle Autrici, la Terra e i suoi miti, falsi, visto che nella realtà di Luisa e Valeria, la Terra è stata sempre protetta dai Seraphim e dai Nephilim, narrati e disegnati come tutti gli Dei e le leggende mistiche e religiose che farciscono la storia umana. Gli umani appunto, nella loro imperfezione vengono descritti come esseri sorprendenti e speciali proprio grazie alla loro umanità.

Tutto finirà col quarto libro, vedremo.

 

Pubblicato in: 2018, Erotico, Kindle - letture digitali., Sociale

Scagli la prima pietra chi ha peccato…

Mi chiamo Joseph Blane. Sono un mormone. Sono vergine. Ho il controllo totale sui miei impulsi sessuali e obbedisco alla Legge di Castità. Nessuna donna è in grado di farmi cedere. Tranne Judith. Per lei provo un’infinità di cose sbagliate. E quando si presenta al mio stesso campus universitario il mio autocontrollo vacilla. Per lei ho smesso di combattere. Per lei ho ripreso e adesso sono Sinner, il lottatore più acclamato nei combattimenti clandestini dell’Arena. L’idolo che le donne desiderano nel loro letto. Ma è per Judith che io distruggo i miei avversari dentro la gabbia e lotto contro me stesso e ciò che voglio. Lei. Judith mi tenta. Mi provoca. Siamo lei e io. In una città in cui nessuno sa chi o cosa siamo l’uno per l’altra. Judith si stabilisce nel mio appartamento e io non devo cadere nella lussuria. Violare la Legge di Castità è un peccato estremamente grave. E io non devo farlo. Ma soprattutto: non devo farlo con lei.

Direi innanzitutto tanta roba, e non solo a livello di contenuti, ma anche come quantità di pagine e ore di lettura. Di contro ad un certo punto si è trasformato un po’ in 50 sfumature, ma ho compreso che per l’ultima parte del libro era necessario tutto quel sesso sfrenato e incessante che ci è stato presentato.

Parlare apertamente di questo libro non è proprio una passeggiata, dal momento che va a toccare le perversioni più nascoste dell’essere umano, che una buona percentuale prova, anche se non ammette. Di certo sappiatelo: non è un libro facile da digerire.
Tuttavia in questo sfrenato libro “spregevolmente” erotico c’è una questione, che a mio avviso è cruciale, che andrebbe valutata, ma che per farlo bisogna affrontare un percorso perverso e non so se tutti sono disposti a farlo. Io ne sono convinta e appoggio in pieno il grido di rabbia dell’Autrice, pensando che sarebbe davvero interessante approfondire con lei.

Vi sono molti spunti che fanno di questo libro una lettura interessante: la vita religiosa dei mormoni e dai contenuti si capisce che l’Autrice ha studiato la parte.
Nonostante questo, il libro ha molti punti forti, come la psicologia dei personaggi: Joseph e Judith, nei loro capitoli col POV hanno dimostrato delle sfumature psicologiche molto approfondite, nelle loro vicissitudini mi hanno regalato delle  emozioni intense.
Gli altri personaggi hanno la loro precisa caratteristica psicologica e rimane fedele dall’inizio alla fine, gli unici che non ho mai gradito sono stati i genitori dei protagonisti, solo inutili fantocci e capirete anche voi il perché, a fine libro.

Tra le chicche che abbiamo in questo libro l’Autrice alza il velo della realtà quotidiana, nello specifico mi rivolgo all’era attuale, ai figli di quest’epoca disinibita e senza freni: Ava ci mostra la facilità con cui si rimorchia e ci si diverta ai limiti della morale (anche oltre dai), ma il quesito dell’immoralità in tutto ciò è davvero forte, e tramite le parole di Joseph in più di un occasione è inevitabile fermarsi a riflettere, non tanto nei confronti di un Dio, così “concreto” nel romanzo (almeno nella testa del mormone) e così fasullo nelle mie credenze, ma sopratutto nei confronti della nostra persona, fisica e astratta. Tutto questo divertimento, sesso e alcool possono davvero logorare la nostra Anima? E sopratutto la preghiera, al di fuori di un Dio astratto, ha davvero dei poteri?
Direi che è anche paradossale, in un libro altamente erotico, porsi questi quesiti, eppure a me sono sorti. Quello che può sembrare semplicemente un romanzo erotico è comunque un mezzo per strigliare diversi concetti sociali e spesso sconvenienti, oltre a questo lo trovo anche un percorso psicologico e fisico per i due personaggi e per i nostri ideali personali.
Tra le varie riflessioni emerge anche l’importanza di una vita sessuale, talvolta anche prima del matrimonio, stare insieme non è solo procreare, andare d’accordo e avere alcuni gusti in comune, un’intesa sessuale è un elemento importante per la vita di coppia, se si segue una religione che ti impone la castità pre-matrimoniale, il rischio di incorrere in un matrimonio soffocato è forte. Ovviamente non sto incitando il sesso sfrenato, sia ben chiaro, non sto nemmeno favorendo il sesso in età sbagliata.
Tutto si ricollega alle religioni, in un modo o nell’altro. Sono solo mezzi per condurci al pascolo, oppure le religioni sono importanti? Inoltre, tante religioni in un contenitore solo sono sensate?

Ottima lettura, ringrazio Laura Rocca per avermi direzionato da quest’Autrice 😉

 

Pubblicato in: 2018, Fantasy, Kindle - letture digitali., Saga

Metafore Fantasy di classe

Tre ragazze.
Un destino in comune.
Le sorti di un Regno appese a un filo.

L’Equilibrio che governa Charma e i suoi popoli da ere sta per essere infranto. Sebastian Herden Mellyes, Reggente di Eartha, sta per liberare il suo popolo dalla lunga prigionia che lo ha imposto a vivere sotto terra, e finalmente potrà vendicarsi dei Regni che lo hanno confinato a un’esistenza da reclusi, primo fra tutti il potente Kaulta Landa, guidato dai Sovrani Axel. Grazie all’inganno, Sebastian getterà negli avversari il seme della discordia per volgere gli eventi a suo favore.
Solo le tre Colonne di Veltantel potranno ristabilire gli Equilibri su Charma ed evitare l’insorgere di una sanguinosa guerra: la Dea Eletta, la Matrice e la Grande Saggia.
Solo il loro Potere, riunito, potrà ripristinare la Barriera eretta contro l’avanzata di Eartha.

In bilico su un filo sempre più sottile, le avventure di Dravien, Eva e Mairam si intrecciano fino a unirsi in un unico, definitivo, destino.

Tornerà la pace su Charma e sui suoi popoli? O è destinata a perire sotto un altro Periodo Buio?

Emanuela Navone, un nome ormai noto nel panorama dell’editing, con la quale ho piacevolmente lavorato anche io, ha esordito con un giallo psicologico molto coinvolgente: –Io sono l’usignolo-, ci presenta questa estate il suo primo libro nella categoria Fantasy classico, si spera il primo di una saga corposa.

Il titolo di questa sua nuova opera è –Aequilibrium: Cronache di Charma, #1

Il mondo concepito dalla Navone, Charma, è pregnante sin dalle primissime battute, sembra di vedere un’immensa scacchiera tridimensionale, dove si muovono figure ammantate di mistero e mito.
Sono entità rappresentanti la Scelta, il Volere, il Potere e altri elementi che, insieme, definiscono ciò che si chiama equilibrio. E questo equilibrio si è rotto, provocando uno tsunami di scompiglio, morte e rovina.

Il mondo creato da Emanuela Navone è un paragone romantico e sopraffino del nostro e delle nostre usanze, ecco quindi che abbiamo il paradiso e l’inferno e tutti gli altri substrati mitologici e religiosi che contraddistinguono noi esseri umani, imperfetti ma meravigliosi.
A questo proposito muovo l’unica critica che è emersa da questa prima lettura: avrei preferito scenografia, religione e mito in modo molto più approfondito ed epico rispetto a quello che realmente ho trovato, ci sono tutte le carte in regola perché fosse stata fatta una realizzazione maggiore. Se l’Autrice ama la sua storia sono fiduciosa che nei prossimi volumi troverà il modo di regalarci scenari di epica fattura!

Nonostante questo però, man mano che la lettura evolve, le ambientazioni risultano molto suggestive, i personaggi ben impostati, la trama comprensibile e per nulla scontata: vi sono infatti molti elementi di cui non si può prevedere la collocazione, inoltre, insieme a Charma, che dobbiamo ancora conoscere bene, l’Autrice ci mostra uno spiraglio verso nuove frontiere e con esse religioni e culture, diametralmente opposte a quelle di Charma.

Insomma, per farla breve, per conto mio Emanuela Navone vale molto sia come editor, che come Autrice!