Pubblicato in: 2012, Narrativa, Sentimenti, Sociale

La poesia, forte e dilagante

il-linguaggio-segreto-dei-fiori-libro-73521TRAMA – Le rose per la grazia e l’eleganza, la camomilla per emergere dalle difficoltà, la gerbera come l’allegria di un’inattesa speranza e i bouganville per la passione. Ogni fiore ha un significato più intenso di quello che pensiamo e ogni lettore potrà attribuirsene uno, scegliendo per sé, e per chi ama, una copertina diversa per questo strabiliante libro.
Victoria è una ragazza di diciotto anni con un passato alle spalle di certo non facile: abbandonata nella culla dai genitori, ha passato l’infanzia tra famiglie adottive, genitori provvisori e spesso non ideali. Un giorno però la ragazza incontra Elizabeth, una donna straordinaria e speciale che le cambia e sconvolge la vita persino in modo drammatico. Elizabeth è per Victoria la sua unica vera madre e per questo le trasmette un dono speciale: la capacità di conoscere il linguaggio segreto dei fiori.
Victoria ha paura di amare, di lasciarsi trasportare dalle emozioni e dalle parole. Per lei farsi toccare dagli altri è impossibile.

(libro letto il 13 settembre 2012)

Uno straordinario spaccato su ciò che la vita rappresenta. Una straordinaria rappresentazione del ciclo della vita! Alla vita non importa chi sei, che hai fatto o che ti è stato fatto, come nel caso di Victoria Jones, la vita va avanti, sempre e comunque!

Un libro strordinario che ha spopolato in maniera dilagante soprattutto per il messaggio in esso contenuto: le situazioni giudiziarie degli affidi in America. L’Autrice ha sapientemente fatto emergere gli errori e l’inutilità di quei sistemi, tracciando una trama ricca di poesia e sapori d’altri tempi!.

Un’elogio all’Autrice per aver saputo tenermi incollata con i suoi misteri, avvinti dai continui splendidi messaggi floreali (i messaggi dei fiori provengono dall’epoca vittoriana)
Per esempio: lo sapevate che il significato intrinseco dei girasoli, seppur stupendamente solari è -false ricchezze-?
ehehehe, non guarderò più quei fiori come li guardavo prima…

Un libro assolutamente da leggere e tenere in libreria!!

Annunci
Pubblicato in: 2012, Narrativa, Sentimenti

Moltitudini di colpe!

il-gusto-segreto-del-cioccolato-amaro-kevin.a.milne_TRAMA – Per essere la proprietaria di una cioccolateria, Sophie Jones non è esattamente la dolcezza personificata. Almeno da quando Garrett l’ha lasciata a un passo dall’altare, e lei, che con la fortuna ha sempre avuto un rapporto un po’ problematico, ha dedotto che la felicità è solo un’illusione. Non a caso la sua ultima creazione pasticcerà è un delizioso biscottino, ricoperto di cioccolato amaro, con dentro messaggi ispirati a un sano, sanissimo realismo.
Leggi:
una doccia fredda per tutti quelli che nell’amore e nella felicità continuano a crederci.
Ci sono persone fortunate in amore. Tu non sei una di quelle.
Oppure: La tua storia d’amore ti lascerà l’amaro in bocca.
Per Sophie, rimasta orfana da bambina, sempre affamata di affetto e comprensione, riempire i Biscotti della Sfortuna di perle di cinismo e disillusione è una sorta di esorcismo quotidiano. Così, il giorno in cui Garrett ritorna per chiederle perdono, lei sa esattamente cosa fare: gli darà un’altra possibilità soltanto se lui saprà dimostrarle che la felicità esiste. Cento testimonianze di una felicità solida e duratura, e lei accetterà di uscire con lui, come al primo appuntamento. E quando Garrett pubblica un annuncio sul giornale, le risposte – sincere, entusiaste, piene di speranza – inondano il negozio, e la vita, di Sophie. Insegnandole che, quando si tratta di quella cosa chiamata felicità, cominciare a cercarla è il primo passo per trovarla.

(libro letto il 23/06/2012)
E’ stata una straordinaria lettura, inoltre solo a metà libro mi sono resa conto che a scrivere il libro è stato un uomo. Incredibile, ha la sensibilità di una donna.
La trama parla d’amore come mille altri libri, tuttavia questo tipo di amore è stato narrato con sapienza maestria narrativa, di solito ho una illuminazione importante mentre leggo, capisco qualcosa che poi si rivela veritiero, in questo libro non solo il segreto è stata una doccia fredda, ma le sottotrame contenute e parlallele alla vita travagliata della protagonista Sophie sono state toccanti e emezionalmente pesanti.

Questa ragazza, Sophie, si porta un trauma terribile da 20 anni, quando perse in un tragico incidente madre, padre e nonna. Il suo incidente però scatena una serie di eventi che durano 20 anni, al termine dei quali, come un’esplosione, tutto quanto straripa fuori, spazzando via colpe e creando un vortice di felicità ed anche il lieto fine si posa delicato sul terreno come una soffice piuma bianca!

Consigliatissimo!

Pubblicato in: 2012, Fantasy, Trilogia

Una classe coi fiocchi!

L Ombra del GuerrieroTRAMA – Passano solo poche ore da quando Ryan e Morten, tornati nel loro mondo, si rendono conto che Milla è ancora prigioniera della Scacchiera Nera e decidono immediatamente di ricominciare a giocare per correre in suo aiuto. Ma il poco tempo trascorso corrisponde a mesi nel mondo della Scacchiera e, quando arrivano, la situazione è disperata: nonostante il mantello del Ladro Nero che la protegge, Milla è stata colpita ed è in fin di vita. L’unico modo per salvarla è portarla all’Antica Tomba della sua pedina e i tre ragazzi intraprendono un nuovo e pericoloso viaggio. Ma chi ha ferito Milla? E perché, pur avendone la possibilità, non l’ha uccisa? È possibile che sia l’ennesima mossa dell’Ingannatore, che i tre ragazzi credevano ormai di aver distrutto per sempre?

Recensione scritta il 10/02/2012

Sorprendente quest’Autrice, come ho già scritto nei commenti del primo libro (La scacchiera nera). Tanti colpi di scena, tante emozioni. Un modo di narrare coinvolgente (che è importante per un libro).
Critiche? Sì, bè qualcuna ne ho, ma non ho nessuna voglia di menzionarle poichè questa storia è di una tale originalità che mi fa venire i brividi.
Alla fine non so tanto cosa dire, anche perchè le opinioni sono sempre soggettive. Sta a voi provare a leggere e poi decidere se continuare o meno!

ps – Le superstizioni dice che i Gufi portano sfortuna ma sono solo cazzate. Sono Animali che ricoprono dei ruoli molto importanti soprattutto nell’agricoltura!!

Pubblicato in: 2012, Giallo

Interpretazioni

la_tredicesima_storiaTRAMA – Margaret Lea è una giovane libraia antiquaria che negli anni trascorsi con il padre tra pagine immortali e volumi sepolti dall’oblio, ha coltivato una quieta passione per le biografie letterarie in cui di tanto in tanto si cimenta. La sua prevedibile esistenza viene sconvolta il giorno in cui Vida Winter, sfuggente e carismatica scrittrice alla fine dei suoi giorni, la incarica di scrivere la sua biografia ufficiale. Margaret parte alla volta dell’isolata magione dell’anziana autrice, nelle campagne dello Yorkshire, e rimane immediatamente stregata dalle vicende della singolare famiglia Angelfield e dalla sorte di un misterioso racconto che Vida Winter non ha mai voluto pubblicare… “La tredicesima storia” dipana così davanti agli occhi del lettore non solo il tempestoso trascorrere di esistenze avvolte dal segreto, ma anche la complessa, intensissima amicizia tra due donne di differenti generazioni che, dietro la magica finzione del narrare, troveranno l’una nell’altra verità su se stesse a cui mai sarebbero potute arrivare da sole.

Ci sono eventi che rimangono nascosti, dicono che i panni sporchi sia meglio lavarli in casa… A casa Angelfield non è così, non è stato così.
La tredicesima storia racconta 3 generazioni di follia e di tesori nascosti nella nebbia!
Una delle protagoniste, la famosissima autrice narrata nel libro: Vida Winter, chiede <Lei ha paura dei fantasmi?>
Ma ciò che mi ha inchiodato alla sedia a leggere è stata una parte della lettera che la Winter aveva scritto alla biografa per convincerla a scrivere la sua storia, la sua ultima storia. Tra le righe della lettera che Margaret ricevette (la biografa) , Miss Winter le raccontò, tra le altre cose, di un ennesimo giornalista che un giorno si presentò nella sua magione chiedendo a Miss Winter: <mi racconti la verità…>
La verità…
Per una scrittrice che ha passato la sua intera esistenza a dichiarare la sua verità in mille modi differenti…
Quel giovane veniva in casa sua per avere la verità?
… <mi racconti la verità…> … ha galleggiato per tutta la durata del romanzo sino a quando inevitabilmente la nebbia piano piano si è diradata scoprendo tutte le verità!

Naturalmente dopo 30 pagine il mio rapimento è stato completo e sono nate quindi le classiche domande, come per esempio chissà se ha scritto altro prima o dopo… purtroppo questo è il suo primo e per ora ultimo libro e, visto che è un titolo del 2007 qualcosa mi fa pensare che ‘La tredicesima storia’ sarà la nostra unica, grande avventura. Davvero peccato, perchè, tranne qualche scollatura e qualche strano buco tecnico nella struttura della storia è, anche, un giallo avvincente. Da metà in poi a me ha letteralmente ‘chiamato’ ogni volta che facevo altro, inducendomi a fermarmi per leggere… Spero succeda anchea voi, sappiatemi dire 🙂