Pubblicato in: 2009, Autobiografia, MITI, Narrativa, Sentimenti

Il linguaggio dell’Anima

9788861920743gTRAMA – Una perfetta Love Story (con le iniziali maiuscole, proprio come il film). Lei, Stacey, graziosa, un po’ solitaria, con lo spettro della malattia dietro l’angolo. Lui, Wesley, amabile, imprevedibile e giocherellone, ma di polso. Tra i due scocca inevitabile la scintilla. Tutto sembrerebbe normale, persino banale, non fosse che lui, lui Wesley, è un adorabile gufo dei granai (a essere precisi, un barbagianni). Stacey lo accoglie fin da piccolo, lo accudisce, e i due diventano inseparabili. Narrata con brio, con sentimento ma senza sentimentalismi, la favola vera di un rapporto speciale e unico, dove non importa più chi sia l’essere umano e chi l’animale.

(libro letto il 1 luglio 2009)

Ho inseguito per anni il sogno di Martin Hocke nel Regno del Silenzio, per anni desideravo avere il Gufo Bianco del Labirinto di Jim Henson e, per anni, ho sognato, scritto, desiderato essere un Gufo Bianco e volare nella notte innevata verso la luna piena. Ma è stato grazie a Stacey O’Brien, l’autrice di questo volume che ho finalmente capito cosa vuol dire avere e curare (davvero) un Gufo dei granai. Ed è stato Wesley a farmi capire cosa significa essere un Gufo.

Questa storia inizia come tante, Stacey, una biologa ‘riceve’ questo piccolo dagli occhi ancora chiusi, aveva un problema ad un ala e, in Natura sarebbe rientrato nella percentuale dei giovani che periscono: solo il più forte sopravvive, non dimenticatelo!

Va a vantaggio di Stacey l’esperienza del settore che ricopre, che le permette di cominciare con il piede giusto; sa che se vuole dare un buon imprinting deve cominciare a parlargli il più possibile, perché il Gufo Bianco (Barn Owl, Barbagianni) ha un senso che sviluppa maggiormente: l’udito. Con questo senso vede ancora più che con gli occhi, registrandosi vere e proprie mappe visive dettagliate, che stupiranno l’autrice nel corso dei suoi quasi 19 anni con lui.

La loro vita insieme comincia ufficialmente quando il pullo apre gli occhi e incrocia la prima volta quelli dell’Autrice. È come se un uomo e una donna si fossero incontrati e innamorati e sposati. Mi vien quasi l’azzardo a dire che le loro Anime sono identiche, Anime gemelle. E che forse in questa vita ‘lui’ ha sbagliato corpo, ma dovevano stare insieme e ci sono riusciti e felicemente!

In tutto il libro non ho fatto che sorridere, mentre leggevo la traduzione del comportamento di Wesley da parte dell’Autrice. Sorridevo e mi sorprendevo, mentre apprendevo quanto sofisticato era divenuto il linguaggio fra i due. Ho assorbito le emozioni, le paure, i progressi che hanno fatto insieme, i successi e le gratificazioni che hanno guadagnato. Ho osservato con le lacrime di emozione, in silenzio, durante i loro momenti intimi, quando si coccolavono a vicenda e si addormentavano insieme, felici dopo un’altra giornata insieme.

Mi sono schifata quando mi son resa conto che i topi andavano ‘uccisi’ tagliati e messi nel congelatore.

Ho emesso versi di fascino quando il loro rapporto ha fatto il salto di qualità raggiungendo l’apice della fiducia reciproca e ho pianto, faticando ad arrivare alla fine quando ho capito che era giunto il tramonto.

Perché ometterlo, che senso ha? È implicito che – specialmente nelle storie di animali – arrivi un tramonto, l’autrice stessa ammette che non sopporta questa parte, ma che non può non parlane tuttavia.

L’autrice ha ricevuto una grande eredità: la chiave del mondo di Wesley. I Gufi hanno continuato a cercarla, forse per unirsi al suo dolore, forse per vedere dov’era Wesley. Non ci è dato saperlo con certezza. Ma io voglio credere di sì.

Una delle cose che mi angustiano è che ho pianto e sofferto ma siamo sempre solo noi ‘amanti degli animali’ che lo facciamo, i cattivi rimangono e non si ammorbidiscono di fronte a questi eventi, a queste storie.

Vorrei esserci io nei laboratori e studiare un siero che inietta nell’essere umano una maggior comprensione e rispetto per la vita!

A volte vorrei fare rewind e rispondere a quella persona che mi chiese: ‘Come fai a paragonare un cane a un bambino?’ ed io vorrei semplicemente contro proporle questa di domanda: quale oscuro e incomprensibile istinto ti suggerisce di porre e di porti questo quesito?

Annunci
Pubblicato in: 2013, Autobiografia

Quella sensazione che…

TRAMA – Helene Grimaud, una delle migliori e più affermate pianiste di oggi, raccontindexa le avventure di un'”enfant prodige” che e anche un'”enfant terrible”. Dice delle sue relazioni appassionate con la musica, i concorsi, la competizione, ma anche la rottura con il mondo parigino, l’esilio negli Stati Uniti a vent’anni. Lì, la sua nuova vita e fatta di dubbi, di disperazioni, fino alla rinascita grazie all’incontro con i lupi. Dal 1991, li alleva in un villaggio del Connecticut, in una riserva in mezzo alla foresta. Vive con loro e ne studia il comportamento. È corrispondente di molte organizzazioni scientifiche e si adopera per la reintroduzione del lupo nel suo ambiente naturale. In questo libro, ci offre la chiave del suo universo interiore, della sua relazione particolare con il mistero della musica e dei lupi, che hanno fatto di lei un’icona dal carisma riconosciuto. Oltre al racconto di un’infanzia e di una adolescenza turbolente, il libro riporta le sue riflessioni sui maggiori compositori romantici, su scrittori come Dostoevskij e l’evocazione di città e paesaggi amati. Oltre a una storia dettagliata dei lupi, nel mito e nella realtà. Una ricerca appassionata del senso, dell’appartenenza che puo essere solo all’Essere in un qui che è insieme un altrove. Chiavi di questa ricerca sono la musica, il quinto elemento peculiare all’uomo, e il lupo, simulacro vivente dell’originarietà dell’Essere.

Avevo preso questo libro solo per rimpiazzare il vuoto che mi divideva dalla lettura finale di una trilogia ed ho scoperto un mondo di poesia profondo e quasi palpabile, rimanendo stordita e confusa.

Quella sensazione che… sai con certezza di avere dentro di te ma purtroppo non riesci del tutto ad afferrare e quindi non ne conosci bene le fattezze!

Questo libro parla di una pianista/musicista di nome Hélène Grimaud. Indubbiamente un nome noto per chi è nel settore. Il libro narra di lei sin da bambina. E’ un libro autobiografico.

Mi ha dato da pensare come il caso e la genetica produca, così a caso, dei geni puri, degli individui tormentati e dal percorso tortuoso ma che lasciono impronte ben visibili nel mondo. E’ quello che ho percepito di questa Donna, sebbene non mi attiri particolarmente la musica di quel tipo di strumento.

Hélène sin da piccola è un rebus di non facile soluzione sino a quando il pianoforte entra nella sua vita, ma dopo un po’ anche quello non riesce bene a riempirla del tutto e la sua inquietudine risorge, così come la collera. Fino a quando Alawa incrocia la sua strada nella notte, ed è amore certo. Amore incondizionato. Così, dopo il pianoforte, Hélène Grimaud trova il suo secondo (e totale?) amore, realizzando una riserva per i lupi negli Stati Uniti.

Hélène Grimaud è una Donna assolutamente controcorrente, ma per natura non per moda, questo traspare chiaramente nella sua autobiografia. Spesso ha desiderato di essere invisibile agli sguardi lascivi degli uomini e agli occhi pungenti delle altre donne, ciò che lei voleva era semplicemente essere se stessa. I suoi rapporti con i suoi simili sono conflittuali, il suo temperamento l’ha sempre indotta a fare come si sentiva, districandosi senza difficoltà dagli schemi sociali, non è sempre stata felice, come ogni Artista, ha passato anche lei i suoi tormenti oscuri.

Una buona metà di questo libro è pura poesia, per questo credo di non avere colto al 110%. La poesia è sempre stata una finestra sull’astratto e l’astratto non è facile inquadrarlo, ma non importa, un seme è stato piantato dentro di me, senza garanzie, senza sapere come nutrirlo, senza sapere che crescerà, ma adoro sentirlo dentro di me, piccolo seme dorato!

L’altra metà narra motologie e riferimenti storici di svariata natura, e molto anche sul Lupo.

Mi sento comunque di consigliarlo!
Wikipedia —> http://it.wikipedia.org/wiki/H%C3%A9l%C3%A8ne_Grimaud