Pubblicato in: 2013, Autobiografia

Quella sensazione che…


TRAMA – Helene Grimaud, una delle migliori e più affermate pianiste di oggi, raccontindexa le avventure di un'”enfant prodige” che e anche un'”enfant terrible”. Dice delle sue relazioni appassionate con la musica, i concorsi, la competizione, ma anche la rottura con il mondo parigino, l’esilio negli Stati Uniti a vent’anni. Lì, la sua nuova vita e fatta di dubbi, di disperazioni, fino alla rinascita grazie all’incontro con i lupi. Dal 1991, li alleva in un villaggio del Connecticut, in una riserva in mezzo alla foresta. Vive con loro e ne studia il comportamento. È corrispondente di molte organizzazioni scientifiche e si adopera per la reintroduzione del lupo nel suo ambiente naturale. In questo libro, ci offre la chiave del suo universo interiore, della sua relazione particolare con il mistero della musica e dei lupi, che hanno fatto di lei un’icona dal carisma riconosciuto. Oltre al racconto di un’infanzia e di una adolescenza turbolente, il libro riporta le sue riflessioni sui maggiori compositori romantici, su scrittori come Dostoevskij e l’evocazione di città e paesaggi amati. Oltre a una storia dettagliata dei lupi, nel mito e nella realtà. Una ricerca appassionata del senso, dell’appartenenza che puo essere solo all’Essere in un qui che è insieme un altrove. Chiavi di questa ricerca sono la musica, il quinto elemento peculiare all’uomo, e il lupo, simulacro vivente dell’originarietà dell’Essere.

Avevo preso questo libro solo per rimpiazzare il vuoto che mi divideva dalla lettura finale di una trilogia ed ho scoperto un mondo di poesia profondo e quasi palpabile, rimanendo stordita e confusa.

Quella sensazione che… sai con certezza di avere dentro di te ma purtroppo non riesci del tutto ad afferrare e quindi non ne conosci bene le fattezze!

Questo libro parla di una pianista/musicista di nome Hélène Grimaud. Indubbiamente un nome noto per chi è nel settore. Il libro narra di lei sin da bambina. E’ un libro autobiografico.

Mi ha dato da pensare come il caso e la genetica produca, così a caso, dei geni puri, degli individui tormentati e dal percorso tortuoso ma che lasciono impronte ben visibili nel mondo. E’ quello che ho percepito di questa Donna, sebbene non mi attiri particolarmente la musica di quel tipo di strumento.

Hélène sin da piccola è un rebus di non facile soluzione sino a quando il pianoforte entra nella sua vita, ma dopo un po’ anche quello non riesce bene a riempirla del tutto e la sua inquietudine risorge, così come la collera. Fino a quando Alawa incrocia la sua strada nella notte, ed è amore certo. Amore incondizionato. Così, dopo il pianoforte, Hélène Grimaud trova il suo secondo (e totale?) amore, realizzando una riserva per i lupi negli Stati Uniti.

Hélène Grimaud è una Donna assolutamente controcorrente, ma per natura non per moda, questo traspare chiaramente nella sua autobiografia. Spesso ha desiderato di essere invisibile agli sguardi lascivi degli uomini e agli occhi pungenti delle altre donne, ciò che lei voleva era semplicemente essere se stessa. I suoi rapporti con i suoi simili sono conflittuali, il suo temperamento l’ha sempre indotta a fare come si sentiva, districandosi senza difficoltà dagli schemi sociali, non è sempre stata felice, come ogni Artista, ha passato anche lei i suoi tormenti oscuri.

Una buona metà di questo libro è pura poesia, per questo credo di non avere colto al 110%. La poesia è sempre stata una finestra sull’astratto e l’astratto non è facile inquadrarlo, ma non importa, un seme è stato piantato dentro di me, senza garanzie, senza sapere come nutrirlo, senza sapere che crescerà, ma adoro sentirlo dentro di me, piccolo seme dorato!

L’altra metà narra motologie e riferimenti storici di svariata natura, e molto anche sul Lupo.

Mi sento comunque di consigliarlo!
Wikipedia —> http://it.wikipedia.org/wiki/H%C3%A9l%C3%A8ne_Grimaud

Annunci

Autore:

Anno '74, secondo il "personology" è l'anno dell'avventura fantasmagorica. Sono una lettrice accanita, special modo da quando posseggo il Kindle, sono anche una frequentatrice assidua dell'immenso bar di Internet. Sono pigra a ciabattara ma fortunatamente longilinea (anzi, vorrei ingrassare), non ho figli ma ho un fidanzato bambino ed un coniglio puffoso per peluche (che ovviamente tratto nel massimo rispetto) Amo fare shopping, ma solo nelle librerie, adoro andare a mangiare fuori. Amo il caldo anche se da quando vivo qui in Sicilia sta diventando troppo.. caldo e che altro dire? Scopritemi attraverso le mie recensioni, no?

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...