Pubblicato in: 2015, Fantasy, Kindle - letture digitali., Sociale, Trilogia

Un Hunger Games estremizzato

TRAMA – Una serie di catastrofi naturali si è abbattuta su alcune città sparse per il mondo. Tutti sono convinti che si tratti di una tragica coincidenza. Solo in dodici conoscono la verità. Dodici prescelti che hanno atteso questo giorno per diecimila anni. Mentre l’umanità era ignara della minaccia che gravava sulla Terra, loro si preparavano alla sfida. EndgameGenerazione dopo generazione, hanno affinato le proprie capacità fisiche e intellettive, diventando raffinati strateghi e assassini infallibili, maestri dell’inganno e acuti osservatori. E adesso devono mettere in pratica ciò che hanno imparato: quelle catastrofi infatti sono il segnale che dà inizio alla caccia. Per ognuno di loro, è arrivato il momento di partire alla ricerca della Chiave, l’unico oggetto in grado di fermare l’apocalisse. Chi la troverà per primo, avrà salva la vita. Gli altri saranno condannati.

E’ in assoluto uno dei libri più strani ed enigmatici che abbia letto negli ultimi anni, è da leggere in versione digitale perchè costellato di “indizi”, ovvero frasi chiave che, cliccandoci sopra, ti portano a pagine Internet, purtroppo tutte pagine in inglese. Il romanzo si può leggere anche senza indizi, io l’ho letto così, penso che gli indizi me li riguarderò con calma, aprendo nuovamente il libro, ma sul computer, in modo da poterli tradurre e vederli a colori.

Il sapore delle prime pagine è diverso dal resto del romanzo: introduce questi fantomatici ‘giocatori’ e subito ho provato entusiasmo e desiderio di scoprire che persone erano (che poi sono ragazzi) come funzionava il cosiddetto ‘gioco’ ecc ecc.
Il resto del romanzo ti proietta nella cruda realtà della narrazione, dove il gioco comincia con .. la morte e poi la morte… continua dilangante, come un cerchietto che si allarga su un lago.

C’è chi dice che assomiglia di più ad una sceneggiatura che ad un romanzo io dico: è vero (anche) ma è molto fruibile, una lettura senza impatti tecnici, molti però, emotivi.
E’ pieno zeppo di riferimenti agli alieni come creatori della razza umana, e questo non mi sembra spoiler, piuttosto un indicatore direzionale ai possibili lettori, fatto sta che è stata una lettura eccezionale.
Ho anche fatto ricerche in rete, scoprendo davvero cose interessanti, tra cui che Pittacus Lore è uno pseudonimo di James Frey de guarda a caso ho i titoli in lista desideri.
A quanto ho capito la caccia al tesoro con in palio veramente 500 mila dollari è partita ad ottobre dell’anno scorso, con l’uscita del libro, francamente non sono andata a vedere come sia finita, sotto vi lascio un link di notizie generali, ma se siete curiosi fate ricerche autonome!

Un po’ di notizie in rete: CLICK