Pubblicato in: 2018, Fantasy, Kindle - letture digitali., MITI, Saga, Vetrina dei Libri

Laura Rocca, un nome italiano nelle fila degli Autori DOC


 

Fàs è sceso in campo e il Male è deciso a distruggere l’umanità. Nonostante la noncuranza del Consiglio, Celine e Aidan sanno che se non faranno qualcosa non esisterà più alcun mondo da salvare. Le difficoltà sembrano insormontabili e combattere l’uno al fianco dell’altra è l’unica certezza in vista dello scontro finale, quello definitivo.
La Regina sa che per infliggere il colpo mortale dovranno utilizzare lo Scettro del Vuoto, ed è certa che Aidan sarà in grado di riappropriarsi dei propri poteri di Prescelto. Il destino del popolo pesa sulle sue spalle, e il ragazzo è pronto a scendere in campo.
Tutto sembra andare nel verso giusto, ma…
Al di là di ogni supposizione, gli Spiriti si palesano e, per la prima volta, danno istruzioni ben precise. Possibile che il percorso da seguire sia proprio quello? Il mondo è davvero pronto ad ascoltare il segreto più importante di tutti?
Nella nebbia dell’indecisione, figure che non si erano ancora rivelate faranno la loro comparsa e nemici inaspettati assumeranno volti conosciuti. Celine e Aidan impareranno a loro spese che non esiste antagonista peggiore della paura che alberga sibillina in ogni uomo.
Che lo scontro finale abbia inizio.
Saga fantasy italiana Libro 6 di 6

LIBRO CONCLUSIVO DELLA SAGA

E’ sempre difficile parlare dell’ultimo libro di una trilogia, o peggio, come in questo caso, di una saga. In questo caso specifico, reputo maggiormente difficile realizzare una recensione con le contro-fiocchi de –Le Cronistorie degli Elementi– per due motivi principali:
1) La realizzazione di tutta la saga, la cura con cui sono stati svolti tutti gli eventi, l’abilità con cui tutti i personaggi hanno interagito con la trama e per la trama, l’enorme matassa di argomenti, storie e sotto-storie, evoluzioni politiche, sentimentali. Ragazzi, qui parliamo di una versione femminile di George R.R. Martin, versione migliorata visto che Laura Rocca ci ha regalato un finale, e che finale! Io parlo sicuramente per me e voglio dire che, oltre che incredibili rivelazioni di quest’ultimo libro, trovo che tutta la parte del finale sia stata un toccasana per tutti coloro che hanno seguito questa saga, che hanno amato i protagonisti o i sotto-protagonisti. Leggere tutti quei capitoli-bonus, leggere così tanto oltre il tanto atteso finale, mi abbia fatto davvero bene. E’ stato come un pranzo di Natale, mi ha lasciato veramente sazia. Sono appagata.
2) Secondo punto per cui mi sento addosso una grande responsabilità è l’Autrice stessa: Laura Rocca è una Scrittrice MOLTO capace, lo ha ampiamente dimostrato scrivendo egregiamente altri due lavori al di fuori della categoria Urban Fantasy (e potrete scoprirli osservando il link che vi ho messo due righe su), per non parlare dello spin-off della saga e degli altri due libri auto-conclusivi, ma le sue qualità non sono finite: è una Promoter di sé stessa molto capace, è una persona davvero disponibile nelle sue pagine social, il solo fatto di averci offerto una saga così corposa in soli 3 anni dimostra quanto sia devota al suo ruolo, quanto sia importante per lei non solo scrivere, ma anche soddisfare e NON deludere le persone che la seguono mano mano, nella sua carriera.

Ma com’è stato -Il Regno del vuoto-? Devastante e sorprendente, ha saputo miscelare molto bene gli ingredienti, ogni tassello di un’immensa struttura narrativa è andato al suo posto, per chi l’ha seguita sa che la storia era già scritta a tavolino, che è rimasta fedele ai riassunti e che questo le ha permesso di avere sempre sott’occhio il risultato finale.
Leggere è stato lacrime e sorrisi, l’intensità di questa storia è stata tale da credere che fosse reale, è chissà che, scostando il velo della realtà, non lo sia davvero!

E qual è il risultato finale? E’ che Laura Rocca fa parte di quella rosa di Autrici che tengono alto il valore della categoria italiana. Tutti coloro che ancora non hanno provato a leggere le sue opere, specialmente la saga, dovrebbero quanto meno darle una possibilità e soprattutto capire che su Amazon non possono esserci recensioni negative reali, perché è chiaro che Laura ha studiato per scrivere e pagato una professionista per offrire un prodotto di qualità. Su Amazon possono solo esserci commenti di persone che non hanno gradito il tipo di opera realizzato oppure commenti di persone che bruciano di invidia e badate bene, queste non sono recensioni.
Vuoi cominciare anche tu questa saga? Ecco dove acquistarla –Il mondo che non vedi

Se volete scoprire qualcosa in più su di lei eccovi il link del gruppo fb: clicca

Ed ora un piccolo assaggio della prossima trilogia di Laura Rocca, già esulto 🙂

 

Annunci

Autore:

Anno '74, secondo il "personology" è l'anno dell'avventura fantasmagorica. Sono una lettrice accanita, special modo da quando posseggo il Kindle, sono anche una frequentatrice assidua dell'immenso bar di Internet. Sono pigra a ciabattara ma fortunatamente longilinea (anzi, vorrei ingrassare), non ho figli ma ho un fidanzato bambino ed un coniglio puffoso per peluche (che ovviamente tratto nel massimo rispetto) Amo fare shopping, ma solo nelle librerie, adoro andare a mangiare fuori. Amo il caldo anche se da quando vivo qui in Sicilia sta diventando troppo.. caldo e che altro dire? Scopritemi attraverso le mie recensioni, no?

6 pensieri riguardo “Laura Rocca, un nome italiano nelle fila degli Autori DOC

  1. Ciao Sonia,
    ti ringrazio per aver letto il mio libro e aver speso il tuo tempo a scrivere questa recensione.
    Ti ringrazio, inoltre, per aver evidenziato la piaga delle recensioni false su amazon. Purtroppo certa gente non si rende conto di quanto sia poco credibile da sola.
    Ci crederanno tutti che abbia comprato 6 libri che disprezza così tanto e che li abbia persino letti.
    Sarà forse masochista?

    Piace a 1 persona

    1. Sono tanto abituata ad essere tua fan che sono io a ringraziate te, ci tenevo a dire quella cosa sulle recensioni finte, nel caso di Autori con le palle, come per esempio te, è maledettamente ingiusto che venga disseminato tale risentimento e invidia.

      Mi piace

  2. Scusate, non capisco perché le recensioni negative su amazon dovrebbero essere false. E queste cosiddette recensioni “negative” che ho visto su Amazon esprimono delle critiche motivate. Mi sembra perlopiù gente che dice di aver apprezzato il libro ma che sarebbe stato meglio se fosse stato un po’ alleggerito da melensaggini esagerate e ripetitive.
    Dai ragazzi, un po’ di critica e autocritica; se si continua ad andare avanti con la storia dell’invidia (parlo in generale per tutti), c’è poco margine di crescita.

    Piace a 1 persona

    1. Ciao Barbarella, alcune di queste recensioni sfiorano il ridicolo e questo lo penso. Di fatto, l’invidia e la vendetta in questo settore esistono, non c’è che fare.
      Quando parli di margine di crescita cosa intendi dire esattamente?
      Mille grazie per esser passata!

      Mi piace

      1. Grazie Sonia per la gentile risposta. Non sono del settore per cui non so quale sia l’ambiente dell’editoria e men che meno del self, per cui immagino che abbia ragione tu quando parli di invidie e vendette, però la storia dell’invidia la si vede tirata fuori in diversi altri ambiti. Tante volte quando uno critica qualcosa viene tacciato di invidia quasi a prescindere, senza vedere invece cosa dice nello specifico e rispondere specificatamente alle critiche. Ci sono certamente quelli che criticano tanto perché non sanno cos’altro fare o per mettersi in mostra, ma in questo sesto libro della saga quali sarebbero queste critiche che denotano tanto livore?
        Io no ho letto questo sesto libro, ma ne ho letti altri della saga e devo dire che, gusti personali a parte, non sono esenti da difetti e potrebbero di sicuro essere migliorati. Per crescita intendo questo, se si scartano tutte le critiche che si ricevono, anche quelle che contengono cose sensate e non ci si ragiona su, è difficile migliorare la propria qualità di scrittura, o anche di lettura.
        Detto questo, le tue recensioni sono apprezzabili perché sono esaustive ed esplicative e sono ottimi punti di partenza per delle discussioni costruttive. Purtroppo non tutte le recensioni sono così, ce ne sono tante a 5 stelle e che sembrano tutte copiaincollate e che non dicono niente, di fatto. Noi siete mai rimaste deluse da libri che hanno il massimo dei voti e poi si rivelano estremamente deludenti? Se le recensioni “da invidia” sono da criticare lo sono anche quelle all’estremo opposto, io penso.

        Piace a 1 persona

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...