Pubblicato in: 2016, Misteri, Saggi e Istruzione

IPOTESI DI CONTROLLO MENTALE DI MASSA


mJZL4oVzXIHuUabRA5qfXcA

TITOLO:—— Il Complotto Stargate
AUTORE:—— Lynn Picknett e Clive Prince
TRADUTTORE:– Bruno Amato
EDITORE:—– Sperling & Kupfer
ANNO:——– 2002
PAGINE:—— 342
FORMATO:—– rilegato

 

SINOSSI
——-
Chi ha fornito agli antichi egizi gli strumenti tecnologici necessari per costruire opere complesse e meravigliose come la Sfinge e le piramidi? E’ solo una strana e curiosa coincidenza la somiglianza di queste ultime al complesso di Cydonia fotografato su Marte? E sono plausibili le teorie che hanno avvicinato la fiorente ed evoluta civiltà sulle rive del Nilo a quella di Atlantide, favoloso continente perduto, secondo le quali gli egizi sarebbero i discendenti di quel mondo sommerso? Con un’esposizione avvincente e articolata, densa di ricostruzioni, interviste e prove documentate, Lynn Picknett e Clive Prince affrontano una messe di quesiti che affondano le radici in un passato remotissimo e oscuro, sollevando ipotesi a tratti esaltanti e a tratti inquietanti. Infatti, avvalendosi delle testimonianze di sensitivi che affermano di essere in contatto con enigmatiche presenze spiritiche, gli autori riportano la sconvolgente teoria del complotto Stargate: un’agghiacciante congiura ordita da entità potenti e inavvicinabili che arriverebbe a minacciare non solo l’equilibrio ma anche la sopravvivenza stessa del nostro pianeta.
Chi sono e a cosa mirano queste forze occulte? Chi ha interesse a tenere nascoste tali scottanti rivelazioni e chi invece è spinto a fomentarne la diffusione? E come mai in simili vicende entrano in azione i servizi segreti britannici e statunitensi, nonché la massoneria?
Un’intrigante serie di domande che avvincono il lettore nelle spire di una trattazione mozzafiato.

IPOTESI DI CONTROLLO MENTALE DI MASSA

Parafrasando il titolo di un film con Mel Gibson “Ipotesi di complotto”, questo libro è una sorta di saggio-inchiesta sulla “presunta” Nuova Ortodossia Archeologica scritto a quattro mani da due autori che di intrighi esoterici e complotti storici se ne intendono abbastanza bene.
Lynn Picknett è una scrittrice, sceneggiatrice, esperta di paranormale, società segrete e grandi misteri del passato, mentre Clive Prince è un ricercatore indipendente appassionato di storia e di politica.

“Presunta” perchè, in realtà, in base a quanto emerge dalle minuziose ricerche di Picknett & Prince, la cosiddetta “Nuova Ortodossia” ha radici che partono, non solo da remoto passato senza età, ma culturalmente anche dal lontano 18mo secolo, si dipanano lungo il 19mo e si sviluppano prepotentemente verso la fine del 20mo, continuando fortemente anche nel nostro 21mo secolo.
In questo libro il bersaglio primario è quel fenomeno culturale di massa definito “New Age”, dai contorni sempre cangianti, sfumati e mai definiti con nettezza che, come una corrente trasversale, investe tutti i campi del sapere umano: filosofia, scienze, economia, politica, religioni e spiritualità in genere, musica, arte, ecologia, eccetera.

Ho scritto “bersaglio” perchè i due ricercatori britannici costruiscono un’inchiesta serrata dai contenuti provocatori, dissacranti e rivelanti, in breve, una sorta di complotto su scala mondiale che, partendo dalle elucubrazioni pseudo-filosofiche di esponenti della Sinarchia, dovrebbe, in teoria, portarci verso il famigerato NWO, ossia il Nuovo Ordine Mondiale, voluto fortemente dai “falchi”, cioè gli esponenti dei poteri forti dei più grandi governi mondiali.

Iniziando a mettere in evidenza tutta una serie di strane incongruenze e misteriosi errori, difficilmente comprensibili se non si guardano sotto una luce più critica, Picknett & Prince raccolgono tutta una serie di indizi che vanno ad attaccare, con argomentazioni valide e provate, le teorie (accettate acriticamente come “fatti”) di autori del calibro di Graham Hancock, Robert Bauval, Robert Temple, John Anthony West, Colin Wilson, Andrew Collins, Richard Hoagland, James Hurtak, eccetera, autori che hanno contribuito negli ultimi vent’anni a porre le basi per la cosiddetta “Nuova Egittologia”, approfondendo tematiche, in apparenza, rivoluzionarie su curiose ipotesi “controcorrente” come “Il mistero di Sirio”, “Il mistero di Orione”, “Impronte degli dèi”, “Custode della Genesi”, “Il Serpente Celeste“, “L’Enigma di Marte“, “Il Segreto di Sirio“, teorie “alternative” entrate nella mente di milioni di persone come “dati di fatto”.

Un’inchiesta che P&P conducono, scandagliando le profondità del Mare Magnum delle tanto vituperate (dal establishment scientifico ufficiale) Scienze-di-Frontiera, i cui onesti ricercatori (ne esistono) cercano faticosamente di portare una ventata di aria nuova nelle stantie atmosfere accademiche.
I due Autori, con questa indagine a 360 gradi, cercano di far comprendere al grande pubblico che c’è il forte rischio che possa avvenire la classica reazione psicologica di “buttare l’acqua sporca con tutto il bebè”.
Infatti gli Autori cercano di dimostrare nel loro “Complotto Stargate” un elenco di interessanti sorprese per quelli che sono considerati “insigni luminari” dell’Egittologia Ortodossa, quali Mark Lehner e Zahi Hawass, scoprendo che hanno correlazioni con lo SRI International e hanno tratto beneficio da organizzazioni ritenute poco scientifiche e serie, come l’A.R.E. (Association for Research and Enlightenment) fondata nel 1931 dal veggente americano Edgar Cayce e arrivando a delineare come vi sia poi uno spesso filo conduttore di natura massonica che porti ai servizi segreti di mezzo mondo, l’M15, la CIA, l’FBI, il Mossad, eccetera.

Ma, vi chiederete giustamente, tutto ciò a che pro?

I nostri Picknett & Prince, nella loro inchiesta, vogliono farci partecipi dell’attuazione di un grande piano “cospirazionistico” orchestrato come un gigantesco “Esperimento sulle Masse”, il cui input era iniziato con gli “esperimenti” mentali del dottor Andrija Puharich negli Anni Sessanta con il celebre paragnosta Uri Geller e poi con i cosidetti “Ragazzi dello spazio”, nel quale le popolazioni del nostro pianeta sono al centro dell’attenzione di una congiura ordita fra le alte sfere del potere mondiale, da entità potenti e inavvicinabili, (il cosiddetto “Consiglio dei Nove” di provenienza siriano-stellare) che arriverebbe a minacciare la sopravvivenza stessa del nostro pianeta.
Ovviamente si possono non condividere alcuni aspetti del libro, ciononostante rimane la minuziosa analisi che illumina spietatamente molte strane inesattezze (ad esempio l’asserzione di Robert Temple che la celebre Sfinge di Giza sia stata in origine un cane accucciato -relativo al dio Anubi– posto a guardia delle piramidi; o che la luce della stella Sirio illuminasse, in certi momenti dell’anno, l’occhio del defunto faraone nella Grande Piramide attraverso i cosiddetti “Condotti d’aerazione” -convinzione tipicamente massonica-, postulata da Robert Bauval), di tutte quelle teorie alle quali facciamo riferimento per la “Nuova” Egittologia.

Considerato che viene messa in evidenza la presunta origine extraterrestre dei messaggi provenienti da un’entità ultraterrena definita il “Consiglio dei Nove”, di cui il dottor Puharich tentò di far credere che avesse una correlazione con l’Enneade di Eliopoli in Egitto, i due Autori trattano un’altra tematica molto sentita all’interno del movimento NewAge, ossia il contattismo, una versione moderna di certi aspetti dello spiritismo di fine ottocento, con il quale i nostri cospiratori mondialisti neo-sinarchici cercano di instillare la convinzione che un gruppo gerarchico di civiltà aliene, conosciuto come la “Grande Fratellanza Bianca” oppure “Federazione Galattica”, sia qui per “aggiustare” la nostra linea genetico-evolutiva che, nel corso dei millenni si è un tantino deteriorata e ci ha fatto diventare i brutti sfruttatori e predatori di questa bella Casa Planetaria che è la nostra amata Terra.

Tutto bene allora, sono giunti i “salvatori” dalle stelle?

Per quanto possa sembrare piuttosto allettante questa visione alla Star Trek, una delle tante note stonate è che nel novero dei “prescelti” per il salvataggio della nostra specie “Umana”, non figurano i Negri, gli Zingari e, di norma, tutti coloro che non rientrano negli standard WASP.
A voi le inevitabili conclusioni.
Il fenomeno del contattismo, in genere con entità aliene, si è diffuso in tutto il mondo, interessando (più o meno in buona fede) numerose persone e, dunque, anche nella nostra Penisola Italica, evidenziato da personaggi di spicco (quanto pittoreschi) quali Maurizio Cavallo, Germana Grosso, Eugenio Siragusa e, “last but not least” un certo Arbel che nei primi Anni Duemila fece parlare molto di sé presso alcuni newsgroup e vari forum telematici, affermando di essere lui stesso un extraterrestre proveniente da un pianeta (Ghemu) orbitante attorno a Sirio e di essere a capo di una flotta spaziale con l’appellativo di Comandante Ashtar Sheran e si è incarnato sul nostro pianeta per avviare la procedura di selezione per il salvataggio dei “prescelti” Umani (Bianchi) prima della “imminente” (nel 2001) guerra contro i Rettiliani che dominano predatoriamente il pianeta.
Inutile aggiungere che tutti questi personaggi si inseriscono nel vasto campo di “sperimentazioni di manipolazione mentale” messo in atto già da molti decenni.

Vista la “miscela” tra Egitto, entità ultraterrene, antichi dèi del passato (più o meno remoto) e civiltà extraterrestri, non poteva mancare, nella nostra inchiesta britannica, una carrellata delle nuove teorie postulate dai ricercatori summenzionati (Hancock, Bauval, Hoagland) che metterebbero in relazione il quarto pianeta del sistema solare, Marte e le sue misteriose strutture (apparentemente) artificiali disseminate un pò qui un pò là sulla superficie marziana e, nello specifico, nella regione di Cydonia, con la sua Faccia e le sue curiose piramidi pentagonali.
Evidenziando la curiosa e un pò sospetta insistenza su una quasi obbligatoria connessione con la civiltà egizia, Picknett & Prince ci guidano abilmente in un’interessante analisi, avvalendosi di tutta una serie di personaggi, tra cui James Hurtak, Ron L. Hubbard e Gene Roddenberry ed anche coloro (Vincent Di Pietro e Greg Molenaar) che analizzarono le prime foto del Volto marziano e le anomalie delle varie strutture artificiali, rilevate dalla sonda Viking-1 nel 1976.

Insomma, questo saggio-inchiesta è uno di quei libri che (se piace il genere) leggi tutto di un fiato, avvincente, intrigante, agghiacciante e preoccupante in alcune sue parti, ed è proprio questo “Complotto Stargate” che può destare nel lettore un rinnovato interesse, il porsi nuovi quesiti alla luce delle analisi in esso contenute, al limite quasi della paranoia. E per certi passaggi, il “quasi”, si può togliere di sicuro. Comunque, se ci si mette nell’ottica della frase “dove c’è fumo, c’è anche arrosto”, sospendendo con attenzione l’incredulità, ognuno di noi può tentare di crearsi una soggettiva interpretazione e dando la stura ad ulteriori approfondimenti, guardando la realtà che ci circonda con un filtro più analitico e meno credulone.

Annunci

Autore:

Considerato che l'atto del leggere è, in sostanza, un afflusso di pensieri di altri autori, che dalla carta, oltre che da altri mezzi, giungono attraverso gli occhi alla nostra mente, influenzando i nostri pensieri e stimolandone di nuovi, per cui leggere equivale a pensare, per parafrasare Cartesio "Leggo dunque Sono". Una parte di me "esiste" nella trama dei vari libri che leggo, in ogni scenario che si sviluppa come un film nella mia mente. Ogni volta che leggo un libro, io sono al cinema e se la lettura è appassionante, il distaccarmi da esso è una violenza su me stesso. Leggere per me è importante, come mangiare o respirare, oltre che viaggiare "senza mai muoversi".

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...