Pubblicato in: 2016, Dark, Fantasy, Kindle - letture digitali., MITI, Narrativa, Sociale

La forza dell’Anima.


“Dodici porte” è una lunga fiaba che si snoda attraverso dodici passaggi simboleggiati dalle porte che la protagonista (Lunar) supera, 41nEdzhafuL._SX352_BO1,204,203,200_trovandosi a conoscere di volta in volta luoghi e dimensioni diverse. È un percorso di guarigione, ma anche un viaggio iniziatico alla scoperta delle sue reali origini. I personaggi e i luoghi incontrati rappresentano simbolicamente parti psichiche della protagonista e manifestazioni del percorso da compiere per superare il dolore legato al trauma subito.
Lunar è una giovane, vittima di violenza.

E’ stata una lettura talmente allucinante e surreale che no: non sono in grado di recensirla come si deve. Dimostrazione a confermare le mie parole: le 5 stelle Amazon che ho elargito senza batter ciglio.

Le mie prime impressioni, leggiucchiando qua e là, mi facevano pensare di trovarmi di fronte ad un libro di narrativa, dove avrei trovato una giovane donna ‘violata’, che deve ricostruire Anima e corpo e in effetti è così. Ma la violenza subìta non è la causa dell’incontro con ‘La Mamà’ e La Loba, in quella casa stranissima. La violenza subìta è solo il primo passo del percorso delle dodici porte che Lunar dovrà affrontare. Me lo ripeto, perché sono ancora frastornata dalla fine lettura: la violenza subìta non è la causa scatenante del percorso, ma l’inizio del percorso stesso. E soprattutto è anche un Fantasy.

Daisy Franchetto mi stordisce  e mi ‘uccide’ così, completamente disarmata e impreparata di fronte ad un eccellente opera narrativa che in tutto e per tutto è una matrioska di storie, di vite e di traumi. Ed ecco che, tra i vari riferimenti che si vanno cercando e scoprendo (i soliti confronti letterali) si riesce a dare una definizione del filone principale: una sorta di ‘Alice nel paese delle meraviglie’, o forse dell’orrore; un esempio è Alma, la rappresentazione del Brucaliffo 😉
Ma in questo libro non c’è solo Alice. Ho trovato anche le gotiche atmosfere di ‘La Bella e la Bestia’, durante la seconda entrata (quella conscia) nella casa : la scrittura e l’ambientazione sono talmente coinvolgenti, che arrivano come un dardo nell’Anima e lo senti proprio, quel ‘qualcosa’ che palpita nel tentativo di accendersi, come un’eco di qualcosa di mistico, dentro di noi.

Il problema (sarebbe meglio dire pregio) di quest’opera è che è farcita deliziosamente di esoterismo, simbolismo, riferimenti storici ecc (che purtroppo un’ignorante come me non può carpire a fondo). Ma non è tanto questo, piuttosto che appaiono tutti egregiamente amalgamati nella ricchissima trama. Sì, la trama è ricchissima di elementi di riflessione, di avventure, ricchissima di personaggi e delle loro vicissitudini e non è uno di quei libri pallosi, scritti pesantemente.

Daisy Franchetto ha ri-scritto senza dubbio un classico come ‘Alice nel paese delle meraviglie’, un’opera che ha tutte le carte in regola per andare sui grandi schermi. Un’opera che, dati i suoi contenuti così profondi e evolutivi, non discosta molto da un ‘Signore degli Anelli’.

Ok, mi direte voi. Tutto lì? No, non è tutto lì, ora sparo qualche critica e la sparo pesante, proprio per il pregio dell’opera: è il peggior libro che mi sia capitato sino ad ora, come presenza di refusi e dimenticanze, o frasi scritte non proprio scorrevoli, inoltre, l’incipit non è potente come il resto del libro. Se non avessi avuto un patto da rispettare, sicuramente avrei cestinato questo volume e, signori miei, sono felice di aver avuto quel patto, perché i refusi si possono eliminare e l’incipit rafforzare, ma una storia così non è facile trovarla.
Ma soffermiamoci un momento su refusi, frasi mal costruite e magari traballanti, dal momento che il libro è edito da una CE, che cavolo di CE è? Il mio collega (e compagno di vita) di blog, sostiene che la colpa risiede nella conversione testo/Amazon, ma andiamo, diavolo!! Sto leggendo libri sul Kindle da più di un anno e refusi ne trovo sempre, ma perché ho la sensazione che quest’opera è priva di editing?

Al di là di tutto è un testo che va assolutamente letto, se siete amanti dei percorsi surrealistici ed evolutivi, delle ambientazioni che fanno vibrare l’Anima, della ricchezza di trama. INSOMMA dovete leggerlo perché ho bisogno di sapere cosa ne pensate voi!

Annunci

Autore:

Anno '74, secondo il "personology" è l'anno dell'avventura fantasmagorica. Sono una lettrice accanita, special modo da quando posseggo il Kindle, sono anche una frequentatrice assidua dell'immenso bar di Internet. Sono pigra a ciabattara ma fortunatamente longilinea (anzi, vorrei ingrassare), non ho figli ma ho un fidanzato bambino ed un coniglio puffoso per peluche (che ovviamente tratto nel massimo rispetto) Amo fare shopping, ma solo nelle librerie, adoro andare a mangiare fuori. Amo il caldo anche se da quando vivo qui in Sicilia sta diventando troppo.. caldo e che altro dire? Scopritemi attraverso le mie recensioni, no?

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...