Pubblicato in: creazioni di Sonia e Pier, La Leggenda delle Anime

Venite e danzate con la morte; (cap. 35 ‘La Leggenda delle Anime’)


Indice dei capitoli —-> CLICK

Venite e danzate con la morte

ultime righe della puntata precedente: Erano allarmi di prima categoria: Eretto in avvicinamento veloce!
Lo avevano sentito, lo seppe per certo, fu quell’ultimo sguardo di Florya a convincere i suoi artigli a staccarsi definitivamente da lì e riprendere il cielo.

35 – Venite e danzate con la morte.

In alta quota seppe che ormai era vuoto, finito e il suo sguardo si dipinse di follia e li cercò, quei dannati Eretto, li cercò con la bramosia nel cuore e quando li vide seppe che la morte era lì con loro ad aspettarlo, nello stesso momento in cui si lanciò in assetto da guerra, Salyn comprese e spiccò lesta il volo.
Storm però era un guerriero ed un ex generale, niente a che vedere con lei, che sapeva solo sopravvivere e quando lo raggiunse era ormai troppo tardi, il Gufo Bianco si era avventato su uno degli Eretto, attaccandolo con ferocia al viso. Lei oltrepassò la scena in volo e tornò a nascondersi, col cuore martellante di paura, divisa in due, ma priva di ogni buona idea, la furia del Gufo Bianco era tale da non poter essere in nessun modo domata.
Udì l’urlo di stupore dell’Eretto e poi un secondo dopo le urla di dolore, vide l’Eretto che cercava disperatamente di liberarsi, di proteggersi, ma il Gufo Bianco era implacabile, sul prato verde rasato apparvero una dopo l’altra gocce e schizzi di sangue poi vide altri Eretto e i suoi gridi d’allarme fecero nuovamente eco su di lui, che li aveva sentiti, ma che ignorava sprezzante, avrebbe attaccato qualsiasi Eretto gli fosse capitato tra le zampe e avrebbe attaccato la struttura, trovando un buco nelle difese, sì!

Ma quando si sentì afferrare per un ala non si rese subito conto di quello che stava accadendo. Solo quando ruzzolò, colpendo abbastanza violentemente un tronco, registrò l’azione, il suo corpo da guerriero, intriso di adrenalina, tornò automaticamente in piedi e lì per terra, con l’ala dolorante e il fianco ammaccato, osservò trionfante quegli Eretto, assaporò il sapore del sangue sulla sua lingua e un ghigno satanico emerse dalle sue viscere sino alla sua espressione, da folle.

Uno di loro si allontanò portandosi via il suo trofeo di guerra, mentre gli altri due, che avevano recuperato armi di fortuna, lo guardarono a loro volta, a metà tra la paura e la difesa. Lui li guardò, aprendo e chiudendo il becco per riprendere fiato e udì, distintamente poco lontano, il richiamo allarmato della Civetta. Il suo corpo fremette, pronto al nuovo assalto, ma quando vide arrivare altri Eretto con i loro bastoni di fuoco, capì che sarebbe morto davvero e capì che non voleva morire, per amore di Florya, i cui occhi spenti ritornavano vividi  nella sua anima sanguinante.
Fu quando uno di loro imbracciò la sua arma che decise di abbandonare il campo di guerra.
Lo slancio per raggiungere il suo elemento gli procurò una fitta acuta, muovere l’ala gli costò, ma il suo addestramento fece in modo che dominasse il dolore, si allontanò immediatamente, inoltrandosi nel fitto bosco.

[prossimo appuntamento mercoledì con capitolo 36: ‘Così sia!’]

Annunci

Autore:

Anno '74, secondo il "personology" è l'anno dell'avventura fantasmagorica. Sono una lettrice accanita, special modo da quando posseggo il Kindle, sono anche una frequentatrice assidua dell'immenso bar di Internet. Sono pigra a ciabattara ma fortunatamente longilinea (anzi, vorrei ingrassare), non ho figli ma ho un fidanzato bambino ed un coniglio puffoso per peluche (che ovviamente tratto nel massimo rispetto) Amo fare shopping, ma solo nelle librerie, adoro andare a mangiare fuori. Amo il caldo anche se da quando vivo qui in Sicilia sta diventando troppo.. caldo e che altro dire? Scopritemi attraverso le mie recensioni, no?

4 pensieri riguardo “Venite e danzate con la morte; (cap. 35 ‘La Leggenda delle Anime’)

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...