Pubblicato in: creazioni di Sonia e Pier, La Leggenda delle Anime

Essere Nessuno (cap. 8 ‘La Leggenda delle Anime’)


Indice dei capitoli —-> CLICK

Essere nessuno

ultime righe della puntata precedente: per lui aveva semplicemente vinto la battaglia e se Florya fosse stata presente sarebbe stata fiera di lui? Il sonno prese il suo corpo e la sua mente, proprio mentre elucubrava sul fatto che non avrebbe avuto bisogno di nulla di tutto quello che stava facendo se lei non lo avesse abbandonato… abbandonato…

8-Essere nessuno.

Furono i richiami degli Allocchi a disturbare il suo sonno drogato di melanconia.
Era notte inoltrata, ci volle molto, troppo tempo per rendersi conto di essersi addormentato nel posto sbagliato, non ebbe nemmeno il tempo di spiegare le ali che un gruppo di quattro maschi in chiaro atteggiamento aggressivo lo circondarono, altri due si appollaiarono poco più lontano, con lo sguardo attento.

Una parte di lui sorrise, sorrise anche esternamente. sfacciato, mentre l’euforia della morte gli prorompeva nuovamente da un punto imprecisato dentro di lui, distese gli artigli, sfregandoli sul tronco, in chiaro segno di sfida. L’altra parte di lui, invece, si contorceva disperatamente, pregandolo, implorandolo di preservare la sua vita.
Le due parti si guardarono, con un angelo e un demone, e Storm ebbe la certezza che sarebbe morto quel giorno e la cosa lo riempiva di ebbrezza.

«Dubito fortemente che non vi sia giunta la notizia della battaglia di oggi. Ho fatto filare quell’Astore come fosse stato un cardellino».
La sua voce era roca e il suo smalto di possanza era sbiadito da tempo ormai, ma lui non lo sapeva, non poteva vedersi con gli occhi della realtà.
L’Allocco più vicino fece schioccare il becco e dopo aver scambiato un veloce sguardo con altri tornò a guardarlo con gli artigli frementi.
«Allora è vero. Alla fine la tempesta ti ha abbattuto!»
Disse velenoso.
«Sai perfettamente che basto solo io per squartarti dalla gola alla coda, conciato come sei, vero?»
Storm reagì immediatamente, ma nello stesso istante uno degli Allocchi era già piombato su di lui e in un breve colluttazione di ali e artigli si ritrovarono distesi nel sottobosco, Storm era schiacciato a terra dall’Allocco, un’artiglio sullo stomaco ed uno sulla gola. Capì all’improvviso che qualcosa era andato storto e quella voce che lo implorava di salvarsi tornò alla carica. Lui rimase immobile.
«Non servirebbe nemmeno un grande sforzo per squartarti, basterebbe che tu tentassi di muoverti. E adesso zitto e ascolta, ‘gringo’!»
Sibilò l’Allocco che gli stava sopra, gasandosi del suo apprendimento concluso, proprio sull’Eretto.

Il primo Allocco che gli aveva parlato scese giù, al suo fianco, ora lo riconobbe, era Kring della famiglia a nord del lago nero, al confine con le montagne brulle, la ragione gli ricordò che nella gerarchia, Kring, gli avrebbe dovuto portare rispetto e allora capì che la follia si era impadronita di lui.
«Io me ne starei buonino se fossi in te»
Iniziò sprezzante.
«Anche perché nelle condizioni in cui sei finiresti in bocca ad una volpe senza nemmeno renderti conto della nostra fulminea fuga»
Rincarò pungente.
«Ora, si dà il caso che sono mesi che te ne vai in giro ad attaccar briga con i membri dei clan che la vostra famiglia, nel Trattato, dovrebbe proteggere, giusto?»
I suoi occhi scrutarono quelli di Storm, il quale in un impeto di furia e orgoglio ribatté:
«Sei solo sterco di gazza Kring… un enorme sterco di..»
La presa sul collo dell’altro Allocco lo fece tossire e Kring rise, di gusto.
«Non sei nella posizione di trattare Storm, taci, e ringrazia il Trattato! Ringrazia di cuore il Trattato se oggi non sei morto con l’Astore, ringrazia che non morirai stanotte né per zampa nostra né per zampa di altri!»
Ringhiò, tornando immediatamente serio, poi con un balzo fu su Storm e con un’ala roteò lo sguardo del bianco Gufo in tutti i punti chiave dove gli altri Allocchi facevano la guardia, per salvaguardare la vita del loro leader.
Storm, amareggiato, si lasciò sfuggire un risolino sardonico:
«Devo fare così schifo, che nemmeno la morte mi vuole»
Kring si unì alla sua risata annuendo.
«E per quella Fata che ti sei ridotto a cacca di lumaca?»
Storm ebbe un fremito e dovette chiudere gli occhi imponendosi la calma, per non saltare in aria come una bomba, l’Allocco se ne accorse e rincarò la dose:
«Ma come si fa ad avere l’impulso con un essere che non è della tua specie?!»
Storm spalancò gli occhi, furente, come se un’entità maligna si fosse impossessato del suo corpo e fu in quell’istante che Kring si rese conto che il grande Gufo Bianco non aveva ancora esaurito tutte le sue cartucce.

[prossimo appuntamento giovedì con capitolo 9: ‘Istinto di Generale’]

Annunci

Autore:

Anno '74, secondo il "personology" è l'anno dell'avventura fantasmagorica. Sono una lettrice accanita, special modo da quando posseggo il Kindle, sono anche una frequentatrice assidua dell'immenso bar di Internet. Sono pigra a ciabattara ma fortunatamente longilinea (anzi, vorrei ingrassare), non ho figli ma ho un fidanzato bambino ed un coniglio puffoso per peluche (che ovviamente tratto nel massimo rispetto) Amo fare shopping, ma solo nelle librerie, adoro andare a mangiare fuori. Amo il caldo anche se da quando vivo qui in Sicilia sta diventando troppo.. caldo e che altro dire? Scopritemi attraverso le mie recensioni, no?

10 pensieri riguardo “Essere Nessuno (cap. 8 ‘La Leggenda delle Anime’)

  1. stanotte non mi funziona l’abat jour e ho detto “uffa,e adesso cosa leggo..?”… Quando ecco il lampo di genio..! Cellulare e racconto di Sonia! 😀 Una bella lettura notturna ^_^

    Liked by 1 persona

  2. E meno male che ha ancora qualche energia di riserva, dopo tutte le boiate che ha fatto fino ad adesso! Ma io non so proprio… mi sa che qui l’allocco è lui, non gli altri XD
    Parlando seriamente mi piacciono un sacco i pezzi dove hai umanizzato i volatili, così tanto.
    Sono la parte fantastica di questa stupendissima storia!
    Mi sembra quasi di vedermeli, un po alla RIO 😉 se non che Rio è un pappagallo mentre Storm è un Gufo. ( ma non siam qui a mettere i puntini sulle i noi!)

    Liked by 1 persona

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...