Pubblicato in: creazioni di Sonia e Pier, La Leggenda delle Anime

Il risveglio del ricordo (cap. 4 ‘La Leggenda delle Anime’)


Indice dei capitoli —-> CLICK

Il risveglio del ricordo

4 – Il risveglio del ricordo.

ultime righe della puntata precedente: Non c’era scampo allora per lei, qualsiasi cosa faceva la portava al pianto? La sua risata continuò, incurante della ragione che le imponeva un po’ di compostezza; anche l’eco, rimbalzando tra una parete e l’altra, si scompisciava con lei, ridevano insieme, lei e l’eco, mentre infermiere e sedia si allontanavano verso gli ascensori.

I suoi sensi a poco a poco si destarono e riconobbe la linguetta umidiccia di Trudy. Si sollevò in piedi, stranita da quello svenimento. L’udito le comunicò che in cucina l’attendeva il bollitore e nell’avviarsi per spegnerlo lasciò un biscottino alla birichina.
La torta esalava un filo di fumo caldo, lì sul davanzale della finestra, dove l’aveva messa per raffreddarsi. Aveva un aspetto delizioso e mentre il bollitore si calmava, il suo sguardo andò oltre il dolce appena sfornato, perdendosi nel bagliore dorato dei campi di grano maturi di Carlos Guerrini, l’unico vicino davvero vicino che poteva andare a trovare di tanto in tanto, era un uomo di mezz’età, con una moglie che non era più nella dimensione fisica ed una figlia che lavorava con successo a Londra come assistente di… non ricordava più quale stilista.
I suoi campi di grano erano magici, pareva che da loro nascesse il sole stesso.

«Fin quando il sole esisterà esisterai anche tu per me».
«E fino a quando potrò cacciare nella luna piena tu sarai dentro ogni mio battito».

Le era venuto in mente all’improvviso ma dove lo aveva letto? Uno scambio di promesse? Due che si amavano? Ebbe una fitta al cuore molto dolorosa e non capiva né perché, né da dove avesse tratto quello scambio di battute.

L’oro dei campi ondeggianti in lontananza la riportò in quella stanza e abbassò lo sguardo sulla cagnolina che dormicchiava sul cuscino morbidoso accanto alla porta.
Quella cucina in stile country, ordinata, ricolma di accessori, con la torta a raffreddare sul davanzale, la sua cucina.. la sua? Cucina?
I pensieri si annebbiarono, in contrasto tra loro, c’era qualcosa che non le quadrava, nemmeno si ricordava di averla cucinata, quella torta, e d’improvviso la vista le si annebbiò, oppure era la stanza a farlo?

«Sapevi che il tuo compito era quello di proteggere e difendere, l’amore lascialo agli Eretto, tu sei diversa e come tale ti devi comportare. Sei nata nei cristalli dell’Arcobaleno, dopo la tempesta, nessuna delle tue sorelle ha mai disatteso il suo compito, perché tu sei diversa? Mi dispiace. Esilio!»

E questo da dove arrivava?
Fuori divenne grigio, i colori divennero smorti, anche dentro casa divenne grigio ed era come se tutto si sciogliesse, il vento  sbatteva tutto con violenza e la finestra si apriva e chiudeva in continuazione, sbattendo forte, finché evidentemente il gancio si chiuse da solo, bloccando la finestra, che smise di fare quel rumore assordante.
Portandosi le mani alle tempie, in preda alla paura, udì scaturire dalle viscere di sè un grido di terrore e un istinto forte la indusse a gettarsi sulla sua cagnolina impaurita, per proteggerla. China su di lei, circondandola con le braccia sentì immediatamente la calma irradiarsi nella piccola, e con il volto scrutò ripetutamente la stanza che sembrava sciogliersi come melassa, le cui tonalità di grigio si scurivano sempre più.
Un forte scricchiolio proveniente dalla finestra chiusa attirò il suo sguardo e cercando di mettere a fuoco sentì una sensazione calda irradiarsi dal suo cuore.
Quando mise a fuoco osservò il grosso volatile dalla faccia a cuore sbattere ripetutamente sulla finestra, il becco spalancato come a volerla chiamare, gli artigli che scricchiolavano ferocemente sul vetro e seppe per certo che lui sarebbe riuscito a distruggere quella finestra pur di salvarla!

[prossimo appuntamento mercoledì con capitolo 5: ‘Legata nell’Anima’]

Annunci

Autore:

Anno '74, secondo il "personology" è l'anno dell'avventura fantasmagorica. Sono una lettrice accanita, special modo da quando posseggo il Kindle, sono anche una frequentatrice assidua dell'immenso bar di Internet. Sono pigra a ciabattara ma fortunatamente longilinea (anzi, vorrei ingrassare), non ho figli ma ho un fidanzato bambino ed un coniglio puffoso per peluche (che ovviamente tratto nel massimo rispetto) Amo fare shopping, ma solo nelle librerie, adoro andare a mangiare fuori. Amo il caldo anche se da quando vivo qui in Sicilia sta diventando troppo.. caldo e che altro dire? Scopritemi attraverso le mie recensioni, no?

16 pensieri riguardo “Il risveglio del ricordo (cap. 4 ‘La Leggenda delle Anime’)

  1. “Sei nata nei cristalli dell’arcobaleno, dopo la tempesta…….” daaaaaai bellissimo…! Fammi un fischio se mi dai il permesso, un giorno vorrei citare questa frase per una buonanotte o buongiorno sulla pagina.. baci 🙂

    Liked by 1 persona

  2. Ed ecco che finalmente compare il gufo! Devo dire che questa comparsa depista parecchio, sembra quasi come quando in Harry Potter arriva il suo gufo a portargli la lettera di Hogwart.
    Beh che dire, i pezzi di Fiore migliorano di volta in volta, ti attraggono e catturano e prendono di peso per trarti nel loro interno. ( e ti prendono a calci nel sedere quando pensi di aver capito, e invece non hai capito un tubo!)
    Avvincente! Mi piace sempre di più!

    Liked by 2 people

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...