Pubblicato in: 2015, Kindle - letture digitali., Narrativa

Il mio paradiso


_robin-sloan-1367344540Con Robin Sloan si realizza un felice connubio tra MT (Modo Tradizionale) di acquisire Conoscenza dai Libri e MI (Modo Innovativo) rappresentato dall’universo in continua espansione dei computer. Un modo pacifico di unire insieme l’Antico Mondo Cartaceo con il Nuovo Mondo Digitale-Elettronico, anche se non mancano momenti d’incomprensione e di scaramucce tra chi è ancora tenacemente attaccato all’Antica Via e non accetta le innovazioni del genio umano, e chi vorrebbe creare una gigantesca Enciclopedia Mondiale digitalizzando tutto lo Scibile Umano.

Una narrazione in prima persona, brillante e descrittiva, che cattura l’attenzione del lettore fin dalla prima pagina e lo tiene inestricabilmente incollato fino all’ultima. In un vortice inarrestabile tra libroni ultra-antichi, scaffalature da free-climbing, “ragni” scansionatori, misteriosi adepti bibliofili di un altrettanto misteriosa setta segreta e sbirciate vertiginose in un futuro high-tech quasi a portata di “touch”, l’Autore ci condurrà, bit dopo bit, carattere dopo carattere, verso quello che è sempre stato il motore primario di ogni sano Lettore-ttrice: l’amore sconfinato per i Libri.

-Pier-

TRAMA – La crisi ha centrifugato Clay Jannon fuori dalla sua vita di rampante web designer di San Francisco, e la sua innata curiosità, la sua abilità ad arrampicarsi come una scimmia su per le scale, nonché una fortuita coincidenza l’hanno fatto atterrare sulla soglia di una strana libreria, dove viene immediatamente assunto per il turno… di notte. Ma dopo pochi giorni di lavoro, Clay si rende conto che la libreria è assai più bizzarra di quanto non gli fosse sembrato all’inizio. I clienti sono pochi, ma tornano in continuazione e soprattutto non comprano mai nulla: si limitano a consultare e prendere in prestito antichi volumi collocati su scaffali quasi irraggiungibili. È evidente che il negozio è solo una copertura per qualche attività misteriosa… Clay si butta a capofitto nell’analisi degli strani comportamenti degli avventori e coinvolge in questa ricerca tutti i suoi amici più o meno nerd, più o meno di successo, fra cui una bellissima ragazza, geniaccio di Google… E quando alla fine si decide a confidarsi con il proprietario della libreria, il signor Penumbra, scoprirà che il mistero va ben oltre i confini angusti del negozio in cui lavora… Fra codici misteriosi, società segrete, pergamene antiche e motori di ricerca, Robin Sloan ha cesellato un romanzo d’amore e d’avventura sui libri che lancia una sfida alla nostra curiosità, al nostro desiderio di un’esperienza nuova ed elettrizzante. Un viaggio in quell’universo magico che è una libreria.

Annunci

Autore:

Considerato che l'atto del leggere è, in sostanza, un afflusso di pensieri di altri autori, che dalla carta, oltre che da altri mezzi, giungono attraverso gli occhi alla nostra mente, influenzando i nostri pensieri e stimolandone di nuovi, per cui leggere equivale a pensare, per parafrasare Cartesio "Leggo dunque Sono". Una parte di me "esiste" nella trama dei vari libri che leggo, in ogni scenario che si sviluppa come un film nella mia mente. Ogni volta che leggo un libro, io sono al cinema e se la lettura è appassionante, il distaccarmi da esso è una violenza su me stesso. Leggere per me è importante, come mangiare o respirare, oltre che viaggiare "senza mai muoversi".

3 pensieri riguardo “Il mio paradiso

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...