Pubblicato in: 2014, Narrativa, Sentimenti, Sociale

Un concerto di valori


TRAMA – Seduta sul divano, Juliet ha un solo desiderio: nascondersi. Dalla sua famiglia, dagli amici, da sua madre. E fare fPIccoli-passi-di-felicitainta che suo marito Ben non se ne sia andato per sempre. Ma c’è qualcuno che non ha la minima intenzione di permetterglielo: ha le orecchie spettinate, la coda che scodinzola di continuo e due occhi color nocciola che non smettono di fissarla un momento. Si tratta di Minton, il cane di Ben. Ha bisogno di lei, ora più che mai. Ma non c’è solo lui. C’è anche Coco,  il labrador che sua madre ha ben pensato di affidarle per il weekend.
Trascinata da questa strana coppia, al parco scopre un mondo nuovo fatto di codici, linguaggi, luoghi suoi propri, dove le persone si chiamano con i nomi dei loro cani: il mondo dei dog-sitter. Piano piano Juliet sente di avere un intuito particolare e un modo tutto suo di farsi capire dai quattrozampe. In men che non si dica, tutti vogliono che sia lei a occuparsi dei loro piccoli amici. Per tutti loro Juliet ha trovato il segreto della felicità, ora manca solo lei. Ma forse sarà proprio Minton a farle capire la strada, passo dopo passo.

Questo è stato il mio libro a cavallo tra la Val D’Aosta e la Sicilia, come ho scritto qualche post fa, il problema è che ci ho messo davvero troppo a leggerlo, ma attenzione: non perché non fosse bello!
Juliet rimpiange il suo Ben che ‘se ne è andato per sempre’ e quel sempre ha un solo significato: è rimasta vedova.
Lo scenario che ci troviamo è quello di una giovane donna, buttata su un divano a guardarsi uno talk-show dietro l’altro con il piccolo Terrier acciambellato in mezzo alle gambe, fino a che una serie di personaggi di affaccia (metaforicamente e fisicamente) sull’uscio della sua porta, nella sua vita e nella narrazione della storia.
La prima è sua madre, la cui invadenza presto sarà vista come una necessita genitoriale di vedere i propri figli felici, poi conosceremo altri membri della famiglia e nuovi amici che coinvolgeranno sempre di più Juliet in nuove attività, primo in assoluto il mestiere del dog-sitter.
Piccoli passi di felicità sono quindi le passeggiate con sempre più cani, sono i lenti progressi dopo le pesanti ricadute nel baratro del dolore, i piccoli passi di consapevolezza di una Juliet nel mondo: un anno per soffrire e per poi rifiorire, questo le avevano detto gli specialisti.
Il centro del suo universo è il piccolo Terrier di Ben, già sconvolto per la perdita del padrone, Minton sarà la chiave di guarigione definitiva, verso il finale.

Un libro davvero ottimo per il suo concerto di valori: amore, amicizia, famiglia, sentimenti.
Interessante la metabolizzazione che l’Autrice ha fatto vivere alla nostra protagonista, proprio riguardo al rapporto di coppia con Ben, consiglio vivamente la lettura.
Un libro che lascia un buon sapore in bocca, un libro che come auspicio personale mi augura piccoli passi di felicità in questa mia nuova vita con il mio compagno umano e coniglioso.

Grazie a tutti quelli che mi seguono!

Annunci

Autore:

Anno '74, secondo il "personology" è l'anno dell'avventura fantasmagorica. Sono una lettrice accanita, special modo da quando posseggo il Kindle, sono anche una frequentatrice assidua dell'immenso bar di Internet. Sono pigra a ciabattara ma fortunatamente longilinea (anzi, vorrei ingrassare), non ho figli ma ho un fidanzato bambino ed un coniglio puffoso per peluche (che ovviamente tratto nel massimo rispetto) Amo fare shopping, ma solo nelle librerie, adoro andare a mangiare fuori. Amo il caldo anche se da quando vivo qui in Sicilia sta diventando troppo.. caldo e che altro dire? Scopritemi attraverso le mie recensioni, no?

2 pensieri riguardo “Un concerto di valori

  1. Proprio oggi mi è capitato di vedere una foto su facebook chr diceva “la metamorfosi di un angelo” dove un angelo prende piano piano le sembianze di un cane. Io ho sempre sostenuto che sono gli amici migliori che si possano chiedere, non è mica facile trovare qualcuno che ci stia vicino e ci sostenga senza giudicare. 🙂

    Liked by 1 persona

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...